[MaglaxWriters/I PROVINI] – Elena di Simone Piani

elena cop
L’aurora rischiarava le sagome dei palazzi della città. Iniziava ad albeggiare e una luce brillante rendeva tutto più definito, netto. La notte stava ritirando veloce il suo buio, come se il sole prepotente volesse scacciar via le tenebre. Elena socchiuse gli occhi e respirò a fondo l’aria ancora frizzante della notte.

“E’ ora di muoversi”, disse.

Ma una sagoma d’un tratto smorzò ogni suo intento e proposito: solenne si ergeva all’angolo tra corso Piave e via dei Martiri, lo conosceva, sapeva che la sua presenza lì era questione di vita o di morte. E’ ora di muoversi…

L’aria sembrava essersi fatta più calda e la poesia sulla sommità degli edifici era diventata una flebile filastrocca.

Istanti immobili, poi i muscoli si riattivarono, a testa bassa le gambe si flessero e si contrassero di nuovo, mosse da qualcosa. La forza di volontà non c’entrava nulla, era bisogno di sapere, capire perchè fosse arrivato proprio in quel momento, perchè se ne stesse lì senza dire nulla, perchè di nuovo dopo tanto tempo.

Lo raggiunse e si stupì di avercela fatta, l’aveva desiderato davvero?

L’aveva mai davvero voluto, o era stato un capriccio, come di una bambina egoista e viziata. Quanto male aveva generato quel desiderio, tremendo ed immortale. Un male che aveva attraversato secoli. Elena non lo guardò in viso, le bastava percepirne la presenza a fianco per ricordare. Era stato tanto tempo fa, così tanto che la mente doleva a farne memoria.

Lo prese per mano e quasi come un pupazzo di pezza, senza opporre nessuna resistenza, quasi rassegnato nei movimenti egli la seguì e si fece trasportare.

La strada cominciava ad arretrare sotto i loro piedi come se si riavvolgesse; anche i suoi ricordi, sfuggendo al suo controllo, si arrotolavano. Le parve che l’aurora scomparisse e tutto fosse tornato a quella lontana notte, il 17 maggio. Si svegliò come da un incubo. Tutto roteava. Tutto era differente. Perchè, perchè proprio a lei? La più bella, la preferita delle Muse, Elena prima di Troia.

Impastata di alcol, la sua mente seguiva malapena il suo sguardo mentre si alzava dal marciapiede fradicio di pioggia e di sporco. Senza forze, con l’asfalto della città nel petto; senza poterci fare nulla camminava.

Luci. Una Bmw parcheggiata, con pendaglio a forma di dado allo specchietto retrovisore. L’asfalto viscido. Heartbreaking Hotel. Un picchiettio dissonante della pioggia. Lo scorrere di pneumatici sull’asfalto e l’eco di pozzanghere violate. Una babele. Due ubriachi, fidanzati, forse conoscenti. Una vita alle spalle e qualche anno per biasimarla. Louis Vouitton. Delle insegne accese, delle vetrine serrate.

Un vecchio campanile avrebbe risuonato, battendo tre volte.

Nello sconquasso che porta le ferite di un’altra giornata, nella New York del profondo della notte, il rumore era una pastosa sarabanda di strumenti artificiali.
Ebbene dove erano i vecchi templi alti appena come dieci uomini? Le vecchie strade, ricoperte da ciottoli ognuno essenziale, differente?

Le persone, da dove veniva, ridevano anche se gonfie di vino. In quel luogo che lei non capiva vomitavano, barcollavano e invocavano una sbronza per dimenticare quella precedente. Quella città le pareva gracchiasse come un corvo e si impregnasse di vapore maleodorante, di gas di scarico, come le piume di uno sparviero sotto il diluvio. Quanto le mancava la sua terra, a misura d’uomo. Da quando nacque e fu allevata nella casa di Tindaro fino ad essere promessa sposa di Menelao re di Sparta. E poi quando, come toccò a Pompei ed Ercolano, un vulcano di nome Paride le sconquassò la vita.

I suoi passi procedevano uguali e automatici su quei neri sentieri, la sua attenzione si spostò su un locale saturo di note distorte, di stereoscopiche figure e di caldi umori. Quanti mondi conteneva quella scatola? Entrò.

Elena mentre teneva per mano Paride si ricordò che era proprio in quel bar che lo aveva rivisto per la prima volta, sperduta, disorientata, vittima e carnefice di se stessa, l’immortale Elena. Allora non le aveva risposto, le era sfuggito, come fumo tra le mani.

Ora però, con prepotenza, senza nemmeno chiederle il permesso, era lì con lei, o per lei.

Attraversarono un corso, il semaforo lampeggiava di una pallida luce arancione.

“Perchè sei qui?”. Si stupì della chiarezza con cui la sua voce si era fatta viva. Silenzio. “Perchè sei qui?!” riprovò.

“Per riportarti a casa”. Qualcosa in lei si spezzò. Possibilità, desideri, equilibri instabili, mondi che si erano sovrapposti in modo imperfetto e che si sgretolavano ora sotto il peso di poche parole.

“Come?”.

“La tua guerra dura ormai da troppo tempo.”

“Tu, Paride, maledetto il padre che ti generò, l’hai voluta! La guerra è tua! Sei pazzo”.

“Elena calmati adesso, stai urlando.”

Si voltò per guardarlo in faccia per la prima volta dopo secoli.

Le venne da piangere, ma a forza si trattenne; solo un singhiozzo.

Era esattamente lo stesso Paride che aveva conosciuto in mezzo a quei Troiani stranieri, al suo banchetto nuziale? Ogni singolo ricciolo le riportava alla mente le grida di uomini trafitti dalle lance, gli zigomi come scogli che affondavano le navi, gli occhi come braceri ardenti, come fuoco dirompente. Eppure lo amava. Lo amava più di quanto avesse mai amato se stessa, la sua patria, i suoi avi. Per lui aveva scelto di non morire, per lui aveva sopportato ogni uccisione, ogni massacro. Pazza. Ebbra. Ed ora strade colanti fango e benzina. Si odiava, lo amava e odiava tutto quello che erano stati. Gli avrebbe strappato via le labbra. Si battè il petto e cadde a terra. Le ginocchia si ferirono sul ruvido asfalto.

Elena l’immortale, che era stata il premio di due nazioni, Elena che ora stava rannicchiata ai piedi di un uomo su un marciapiede di una cupa città.

Il dottor Paride Alessandro prese tra le braccia quella creatura spezzata dalla febbre e chiamò a voce alta e sicura gli infermieri che stavano poco più in là, in attesa di istruzioni. La sua guerra interiore andava fermata, la sua mente del resto non avrebbe sopportato altra sofferenza.

“Preparate la stanza, appena arriviamo.” intimò ai camici bianchi che, rapidi, li raggiungevano. E’ l’ultima volta che scappa, povera ragazza.

E intanto Elena cantava: «E molte vite sono morte per me sullo Scamandro, e io, che pure tanto ho sofferto, sono maledetta, ritenuta da tutti traditrice di mio marito e rea d’aver acceso una guerra tremenda per la Grecia.»

————————————————————————–

“Io sottoscritto, Simone PIani dichiaro che l’opera in concorso “Elena” è frutto del mio ingegno e, contestualmente, autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi del D. Lg.n° 196/2003 per la tutela dello stesso. Autorizzo altresì, gli organizzatori del contest all’uso dell’elaborato per lo svolgimento dello stesso.” Simone Piani

10/6/2014

Annunci

3 thoughts on “[MaglaxWriters/I PROVINI] – Elena di Simone Piani

  1. Pingback: [WritersxFactor] – I PROVINI | Scintille d'Anima

  2. Pingback: [WritersXFactor] – STOP AI PROVINI! | Scintille d'Anima

  3. Pingback: [WritersxFactor] – SIMONE PIANI – author page | Scintille d'Anima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...