[libri/segnalazione] – Violenza degenere, storie di donne che hanno sconfitto la paura

Car* followers, vi segnalo oggi un volume speciale…

12516567_10208576921844210_4172846_n

 

La violenza sulle donne è un argomento attuale e purtroppo in crescita e, purtroppo, è evidente che molto ancora c’è da fare, culturalmente e giuridicamente, per frenare questa escalation.

Questo volume prova ad approfondire l’argomento grazie al lavoro delle autrici, Patrizia Maltese e Roberta Fuschi, hanno impegnato il proprio talento per dar voce a quelle donne che, pur se sprofondate in un rapporto violento, sono riuscite ad uscirne.

Il libro è stato presentato il 19 dicembre a Catania, presso il Palazzo Platamone. Con gli interventi di Alessandra Mancuso (giornalista Rai1), Pina Ferraro Fazio (Consigliera di parità per la provincia di Ancona e Socia fondatrice di Thamaia) e Loredana Piazza (Presidente di Thamaia) e ora è disponibile per l’acquisto a questo link.

Da leggere.

∼ Loriana ∼


Scheda informativa

“Violenza degenere – Storie di donne che hanno sconfitto la paura” (Villaggio Maori Edizioni, prezzo di copertina 15 €), scritto dalle giornaliste catanesi Roberta Fuschi e Patrizia Maltese, è – come chiarisce subito il sottotitolo e malgrado l’argomento terribile – un libro in positivo, perché riporta le testimonianze di donne che – sia pure, a volte, dopo un tempo infinito – sono riuscite a liberarsi.

Le autrici hanno trascorso alcuni mesi all’interno del Centro antiviolenza Thamaia di Catania, osservando il lavoro delle operatrici e frequentando il corso di formazione rivolto alle tirocinanti. Soltanto al termine di questo periodo hanno potuto incontrare ciascuna delle signore che hanno avuto la forza di rivivere quelle storie traumatiche e che si sono messe a disposizione, cogliendo e condividendo il duplice obiettivo delle giornaliste: aiutare le vittime a riconoscere gli “indicatori” della violenza, spesso sottovalutati, ignorati o mal interpretati, e far sapere loro che da quell’incubo si può uscire. Le testimonianze sono state trascritte dalle autrici in maniera immediata e senza alcun intervento correttivo: “Sentimenti – scrivono nell’introduzione – che abbiamo cercato di riprodurre riportando fedelmente le loro parole e i salti temporali del racconto e accompagnandole con virgole e puntini di sospensione che a noi, mentre le ascoltavamo, sono apparsi ben ‘visibili’ e che hanno dei significati ben precisi”.

I racconti delle signore costituiscono la prima parte del volume, di cui ha scritto la prefazione la professoressa Graziella Priulla, dell’Università di Catania. Ma alle autrici è sembrato anche doveroso dare il giusto riconoscimento alle operatrici del Centro antiviolenza, spesso costrette a lavorare da volontarie a causa dell’indifferenza delle pubbliche amministrazioni, e sono dunque le loro storie, che si intrecciano a quella di Thamaia, a costituire la seconda parte. La terza parte, infine, è di “servizio” in quanto riferisce sinteticamente le nozioni apprese durante il corso di formazione “perché pensiamo e speriamo – scrivono ancora le autrici – che possano essere indicazioni utili, sintomi rivelatori di una deriva grave, e che possano aiutarci (tutti, perché nessuno può sentirsi al riparo dal rischio o esonerato dall’occuparsene) a prendere coscienza prima che sia troppo tardi”.

Annunci

5 thoughts on “[libri/segnalazione] – Violenza degenere, storie di donne che hanno sconfitto la paura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...