[letti per voi] – Sogni di sangue, di Lorenza Ghinelli

«Dove diamine sei stato?», è la prima cosa che Dorotea dice mentre accende la luce. Il lampadario è un faro, racchiude Enoch in un cerchio freddo che non riesce a illuminargli l’occhio sinistro, buio, livido. L’austerità di Dorotea si incrina.

«Piccolo mio, che ti hanno fatto?»

SOGNI DI SANGUE

Lorenza Ghinelli

copTitolo: ““Sogni di sangue” – Autore: Lorenza Ghinelli – Editore: Newton Compton Editori – Anno: 2013 – pp. 128 – prezzo: 0,99 cent. – acquistalo qui


Trama

Enoch ha tredici anni ed è costretto a portare dei tutori di metallo che lo rendono facile bersaglio delle prepotenze dei suoi coetanei. Eppure, quando si addormenta, diventa più letale di una legione di demoni. Cosa accade mentre dorme? C’è forse un legame tra i sogni di Enoch, la sparizione del suo peggiore aguzzino e il ritrovamento di uno strano ciondolo risalente all’antico Egitto? Chissà se Dorotea, la madre di Enoch, donna algida e imperturbabile, con una passione viscerale e morbosa per le scienze occulte, conosce il suo segreto. Persino la loro casa nasconde un mistero, mentre tanti altri brulicano e strisciano lungo le fogne della città…


La mia recensione

Enoch ha un problema di deambulazione ed è costretto a portare dei tutori. Vive tutto solo con la l’inquietante mamma, in una casa perfettamente pulita. Appena esce di casa si scontra con la cattiveria dei compagni di classe e con le violenze dei bulli del quartiere. Enoch vorrebbe una vita diversa ma continua a trascinarsi stancamente in quella che ha, che lo angoscia e lo opprime.

“Avrebbe preferito che gliele avessero tagliate, quelle gambe, piuttosto che costringerlo a camminare come Frankenstein dentro a tutori di metallo, rigidi, freddi, scomodissimi. Wall-e, lo chiamano così a scuola … come il robot di un film della Pixar…”

Poi un giorno accade qualcosa e tutto cambia…

Un vecchio ciondolo dai poteri esoterici, la scoperta di inconfessabili segreti in famiglia, i sogni sempre più realistici e premonitori del ragazzo, travolgeranno tutti i protagonisti verso l’orrore e verso un finale inaspettato.

Un breve romanzo dalle tinte horror condito con una buona dose di suspance. L’autrice ha una scrittura valida, che cattura e descrive bene ogni passaggio. La storia si legge in un crescendo di colpi di scena e mille elucubrazioni mentali da parte di chi legge.

Peccato che non sia stato dato più respiro alla storia, benché molti fossero gli spunti validi da ampliare ed approfondire, sia nei temi che nella psicologia dei protagonisti. Il racconto invece risulta troppo affrettato e a tratti superficiale; il finale poi mi ha lasciata con molti dubbi, sembra esser stato gettato via.

In ogni caso ve lo consiglio, per due ore di evasione e di completo assorbimento nella storia, perché è una piacevole lettura, ben scritta, con ottimo ritmo e uno stile originale e d’impatto.

∼ Loriana ∼


Autrice

Lorenza Ghinelli, nata a Cesena nel 1981, vive a Santarcangelo. Laureata in Scienze della Formazione, ha conseguito presso la Scuola Holden di Torino il Master in tecniche della narrazione. Autrice di racconti, poesie, opere teatrali e cortometraggi, ha collaborato come editor e sceneggiatrice con la Taodue. Il divoratore, pubblicato nel 2011, ha riscosso grande successo di critica e pubblico. I diritti di traduzione sono stati venduti in sette Paesi e il libro è stato opzionato per diventare un film. La colpa, anch’esso pubblicato dalla Newton Compton, è stato finalista al Premio Strega 2012.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...