[ospiti] – Aperitivo con Fabio Falugiani | Il fascino dei ricordi…

Buonpomeriggio followers! 😀

Il Salotto di Scintille oggi ospita un autore per un aperitivo letterario e noi abbiamo qui Fabio Falugiani.


Chi è Fabio Falugiani?

Nato a Firenze nel 1969 da padre mugellano e madre fiorentina, Fabio Falugiani mostra fin da piccolo una profonda curiosità per la parola scritta, che favorisce la sua formazione classica e la predilezione per la poesia greca e latina. Saranno gli incontri con i romanzi di Pratolini e Camus ad avvicinarlo al Novecento. Appena maggiorenne convola a nozze e diventa padre di Luna, ma il matrimonio dura solo pochi anni. Le seconde nozze in età matura avranno ancora minor fortuna. Nel 1996 comincia la sua avventura nel mondo del commercio e della Grande Distribuzione che gli darà ottime soddisfazioni, ma mai la convinzione di essere realizzato. A trentacinque anni lascia l’amata Firenze per motivi professionali e dopo lungo girovagare, approda definitivamente nella cittadina di Monsummano Terme dove felicemente risiede tutt’oggi. Sono questi gli anni dediti allo studio della musica classica, passione tardiva ma intensa, che affianca i suoi interessi letterari. Ha pubblicato alcuni articoli e recensioni di Filologia con l’interesse particolare sulle relazioni tra la Firenze rinascimentale e la diffusione delle opere greco-latine. Ama il tennis, l’astronomia e la cucina italiana.


L’ultima pubblicazione di Fabio Falugiani?

CELESTE IMPERFETTO, di Fabio Falugiani

«Dio esiste, gli uomini sono buoni e il denaro non è importante.» È con queste convinzioni che Giovanni affronta gli ostacoli che la vita gli pone davanti e come un moderno Don Chisciotte combatte impavido un mondo che non sembra mai girare per il verso giusto.

Il racconto della sua storia si sviluppa fino all’età matura e si snoda intorno alle sue innumerevoli vicissitudini sentimentali.

Celeste imperfetto, è la storia di un sogno, la storia di una generazione, di un paese allo sbando che ha perso i valori che lo sostenevano. È anche la storia della famiglia italiana negli ultimi trent’anni, della sua profonda crisi, del suo lento disgregarsi in virtù di un benessere economico che l’ha ridotta in briciole.

Ma una salvezza esiste, anche per Giovanni: l’amore per la cultura, la mistica bellezza della musica, il fascino dei ricordi e il tempo che passa, sono le non piccole speranze di cui si riveste e insieme al suo catalogo delle donne, alle stelle attaccate sul soffitto e agli angoli più segreti della sua Firenze, compongono il suo personale tentativo di combattere l’eterna e implacabile dissoluzione di tutte le cose.


Scintille –  Iniziamo subito, partendo con le domande: presentati ai lettori…

Fabio Falugiani – Sono nato nel 1969 a Firenze. Ho vissuto per più di trent’anni dentro una città unica al mondo. Poi mi sono trasferito nel pistoiese, a Monsummano terme, prima per motivi lavorativi, poi per scelta. Mi sono sposato due volte, con pessimi risultati e danni incalcolabili alle finanze e alla psiche. Ho una meravigliosa figlia di trent’anni, una compagna che mi ha cambiato in meglio la vita, e una serie di persone con cui riesco a condividere molto. Ho lavorato nel commercio, un mondo dannato, dal quale, per adesso, mi tengo lontano. Potessi tornare indietro la mia biografia sarebbe totalmente diversa, tranne questa intervista.

Scintille – Chi sei, cosa fai, che hai combinato fin qui e cosa combinerai?

Fabio Falugiani – Mi guardo allo specchio e vedo un essere sensibile e romantico, un po’ asociale, innamorato dei libri e del passato e con una forte componente spirituale che lotta quotidianamente col suo contraltare terrestre. Mi occupo di cultura, scrivo, leggo, ascolto e suono musica, e ho anche una bella famiglia. La prima metà della mia vita è stata un apprendistato, sia sul mondo del lavoro, sia per gli affetti umani, e anche per la cultura. Di tutto mi sono imbevuto, con tutto scontrato, ho dato e soprattutto ricevuto, nel bene e nel male. Adesso dopo l’apprendistato, durato circa 50 anni, è il momento della creatività, dopo l’assorbimento c’è il rilascio. Strizzerò la spugna che sono per dare qualcosa al mondo.

Scintille – Che rapporto hai con la scrittura? Cosa significa per te? Cosa vuoi comunicare?

Fabio Falugiani – Scrivo per denuncia. Tutto parte da una rivoluzione contro un sistema di cose, ma non è solo un atto sociale, il mio è anche una rivolta umana, legata all’esistenzialità, a una Weltanshauung che ha bisogno di sfogarsi con le parole. Scrivere è per me comunicare con l’altro, renderlo partecipe di uno stato emotivo, nella perpetua speranza che questo tipo di esperienza porti un progresso reale nelle faccende umane, così terribilmente disastrate, da sempre. Io mi sento l’altro leggendo e poi scrivendo. Il silenzio è la mia paura più grande.

Scintille – Parlaci dei tuoi romanzi pubblicati. Quali tematiche affronti e in che modo? [se c’è una tematica in particolare possiamo creare un paio di domande ad hoc per parlare del romanzo nello specifico]

Fabio Falugiani – Ho pubblicato a ottobre il mio esordio letterario, «Celeste imperfetto», un classico romanzo di formazione con una forte componente autobiografica. Sono partito da un punto e poi, col dipanarsi della storia, le tematiche si sono sviluppate autonomamente, senza forzature, è stata come una seduta psichiatrica davanti allo specchio, sono stato paziente e dottore a un tempo. Sono emerse due tematiche principali: il problema della comunicazione tra esseri umani, e quello della famiglia; a ruota naturalmente tanti altri temi si sono sviluppati, come quello della morte, del rapporto uomo-donna, della musica, dell’arte, del progresso e la tecnologia e di cosa possa essere Dio. Tutto è stato focalizzato su me stesso e poi sugli altri, creando una vera e propria spirale di messaggi che ha fatto emergere i due lati base dell’essere umano: la bontà e la cattiveria. È stato bellissimo assistere alla più grande battaglia di tutti i tempi, e di cui non avrei voluto trattare, ma la lotta è sorta spontanea, e naturalmente non rivelerò il vincitore.

Scintille – Come sono i tuoi protagonisti? Hai una predilezione per un certo tipo di personaggi?

Fabio Falugiani – Essendo in qualche modo un “perdente” nato, amo questo genere di personaggi. Sono quelli che si denudano, che non sanno mascherarsi, che portano la propria croce e a volte anche quella degli altri. Ma sono gli stessi personaggi che poi si incattiviscono, che pasticciano, che distruggono per poi riscattare e ricostruire. Amo i rivoluzionari, gli assediati, gli inquieti, ma anche e soprattutto gli innamorati, che siano innamorati di qualunque cosa buona.

Scintille – Quali genere di storie ami raccontare?

Fabio Falugiani – Mi piacciono le storie che si dipanano attraverso il tempo, in cui le persone cambiano, si modificano pian piano, in cui c’è un percorso che non sai dove li porta, ma che rende l’intreccio interessante, alternativo. Non ho un genere particolare. Sono partito da un romanzo di formazione, ma ho appena terminato il mio primo trhiller, e sono quasi in fondo a un romanzo non di genere che ha tratti stupefacenti, e dice cose che non avrei mai pensato non solo potessi dire, ma anche pensare. C’è molta introspezione, anche una tenace improvvisazione, perché amo sorprendere e sorprendermi. Ai nastri di partenza c’è una storia, invece, corale, non so come definirla, un mix tra Dante, Verga e Freud. Vedremo.

Scintille – Se dovessi definire il tuo mondo di carta i inchiostro con quali colore, immagine, profumo o suono lo descriveresti?

Fabio Falugiani – Questa è una domanda complessa, non ne esco facilmente. Il suono e l’immagine sono fondamentali, molto più dei colori e dei profumi. All’inizio soprattutto questo mondo è essenzialmente immagine, poi accompagnata da musica, e i due tratti si confondono, fanno parte della stessa cosa. Deve passare un po’ di tempo perché ci siamo dei colori e dei profumi. Al centro di tutto c’è il mio immaginario.

Scintille – Da autore esordiente a emergente nel panorama italiano. Parlaci della tua storia e del cammino fatto fin qui. Hai consigli per chi vorrebbe intraprendere la strada della scrittura? Cosa evitare e su cosa puntare, secondo te?

Fabio Falugiani – Consiglio a chiunque voglia pubblicare un romanzo, di badare al contenuto di quel che produce. Un buon prodotto per originalità della storia, per la qualità dei personaggi, linguaggio e messaggio; queste sono le basi di qualsiasi altra conseguenza possibile. Tutto il resto conta poco. Se scrivi qualcosa di bello, prima o poi, qualcuno lo riconoscerà e ti verrà incontro. La sostanza prima di tutto, perché è quella che serve, anche dopo la pubblicazione che resta un punto di partenza non certo di arrivo. Il mio «Celeste imperfetto» ha vissuto alcune revisioni, varie stesure, prima di trovare la sua strada. I “no” ricevuti mi sono serviti per migliorarlo, per renderlo più bello, ogni “no” evidenziava un difetto da correggere. Ho imparato molte cose strada facendo. Dai tutto te stesso al tuo sogno senza arrenderti e sarai ripagato.

Scintille – Fai un saluto ai tuoi lettori con una citazione – che poi è anche l’augurio che vuoi lasciare su questo blog – tratto dalle pagine del tuo romanzo.

Fabio Falugiani – Saluto i lettori con una parte del romanzo in cui si parla del valore dei libri, mi sembra opportuno farlo in questa intervista…

«Poi ci fermammo in un angolo dove non c’era nessuno, sotto uno dei piloni che sorreggeva la struttura; alzai gli occhi e sopra di me c’erano metri di scaffali, un patrimonio di milioni di pagine, molte delle quali scritte  rigorosamente a mano. La guardai e le dissi, parlandole sottovoce  all’orecchio: «Abbiamo fatto tante cose cattive nella nostra storia, siamo  riusciti a inventare una cosa mostruosa come il computer, oppure i  sommergibili, e, ancora peggio, gli aerei, ma qualcuno di noi è stato capace  di scrivere tutto questo, di conservarlo e di tramandarlo fino a me e te.

Finché ci saranno i libri e finché qualcuno avrà il coraggio di raccontare una storia e metterla su carta, allora potremo ancora salvarci.»


L’appuntamento di oggi termina qui.

Ringrazio Fabio Falugiani per aver partecipato con noi a questo aperitivo letterario e, salutandovi, vi invito a seguire i prossimi appuntamenti di Scintille e del suo Salotto letterario.

Un abbraccio e… followME! 😀

Loriana Lucciarini


VI E’ PIACIUTA QUESTA INTERVISTA? SIETE INTERESSATI A SEGUIRE L’AUTORE CHE OGGI VI HO PRESENTATO? …ECCO I SUOI CONTATTI 🙂

⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓

Per acquistare Celeste Imperfetto andate qui http://www.lemezzelane.altervista.org/negozio/index.php?id_product=58&controller=product

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.