[progetti] – Solidarietà e Cultura: Autore in bicicletta | 1200 km di mobilità slow per raccogliere fondi per i bambini delle popolazioni colpite dal terremoto nel 2016. Gino Marchitelli ci racconta il progetto

Car* followers voglio farvi conoscere un progetto che è una figata! 😀

Un progetto un po’ folle che vede l’autore che l’ha ideato, Gino Marchitelli (noto autore di gialli e noir, pubblicati con Fratelli Frilli editori), coinvolto in prima persona in un tour da Milano a Carovigno in sella alla bici, pedalando e macinando chilometri, con l’intento di raccogliere fondi per un progetto indirizzato ai bambini colpiti dal sisma del 2016. Un’impresa ardua che trovo giusto sostenere!

Da San Giuliano Milanese a Carovigno, circa 1200km in bicicletta con 9 tappe di incontri e presentazioni di un libro illustrato per bambini per sensibilizzare e raccogliere fondi da destinare a laboratori artistici di aiuto ai bambini terremotati di Visso (MC) e Amandola (FM) gestiti dagli insegnanti specializzati dell’associazione Mus-e Italia Onlus – www.mus-e.it)

[MUS-E (MUSIQUE EUROPE) è un progetto multiculturale europeo dedicato ai bambini che si propone di contrastare, attraverso esperienze artistiche, l’emarginazione e il disagio sociale nelle scuole dell’infanzia e primarie pubbliche].

Guardate un po’ qui! ↓↓

capture-20170711-162420.png

Per non dire inesattezze, vi riporto qui il testo scritto direttamente da lui, per completezza di informazione.

GINO MARCHITELLI scrive:

Mi chiamo Gino Marchitelli e sono un autore di romanzi Noir, ma anche di libri per bambini come quello oggetto di questo progetto, mi piace viaggiare in bicicletta e ricercare nella mobilità “slow” una modalità di rapporto con il territorio e con il “viaggio” a dimensione umana. Un modo di muoversi che vede nel camminare, nel passeggiare e nello spostamento in bicicletta una possibilità di “ritornare” ad assaporare gli ambienti che ci circondano lontano dallo stress e dalla frenesia caotica dell’utilizzo dei mezzi a motore, inquinanti e nemici della possibilità di vivere appieno il “ritmo” del salutare turismo slow.

L’Italia è un Paese che andrebbe vissuto anche e soprattutto attraverso forme di turismo dolce e lento dove ogni viaggiatore possa godersi le enormi potenzialità e bellezze che ci circondano, sia culturali che artistiche e naturali, e che fanno della nostra nazione una rarità nel mondo intero.

Insieme all’Associazione Culturale IL PICCHIO di San Giuliano Milanese, di Carlo Pagliacci di Zefiro Edizioni, di alcune sezioni A.N.P.I., di scrittori del genere Noir che conosco e verso cui nutro stima profonda, di persone che lavorano e promuovono l’utilizzo della bicicletta come la FIAB, la Ciclo-officina di Pescara e Bicipolitana, alcuni rappresentanti della CGIL, e di donne e uomini socialmente sensibili e impegnati anche politicamente ho deciso di mettermi in gioco per lanciare un piccolo, ma significativo progetto, di solidarietà attiva per gli alunni delle scuole di Visso e Amandola, comuni duramente colpiti dal sisma nel centro Italia del 2016.

L’idea mi è venuta nel momento in cui mi sono ritrovato a dover girare l’Italia per presentare il libro illustrato per bambini “Ben, Tondo e gatto Peppone”, ho pensato che forse, utilizzando anche le conoscenze e le relazioni costruite in anni di incontri, dibattiti e presentazioni dei miei libri, avrei potuto trasformare in quest’estate 2017, il mio dover girare per presentare il libro in un progetto virtuoso collettivo e solidale per provare a sensibilizzare un po’ di persone a ri-attenzionare tutti noi sul dramma vissuto dai terremotati. Ho già organizzato e partecipato a diverse operazioni di sostegno a chi è stato colpito dal sisma attraverso attività di aiuto sia economico che in beni di prima necessità alle brigate di solidarietà attiva che operano in quei territori e al comune di Gagliole (MC).

Le popolazioni colpite nel 2016, come quelle colpite dai precedenti terremoti e dalle varie catastrofi naturali [ma poi proprio così “naturali?] hanno bisogno continuo e per lungo periodo di sostegno, certo economico, ma soprattutto di “attenzione” ai loro bisogni, alle loro storie di uomini, donne, vecchi e bambini che hanno spesso perso tutto e che percepiscono di fronte a sé percorsi quasi insormontabili. Eppure sono persone come noi che si rimboccano le maniche e si rimettono al lavoro per “ricostruire” materialmente e per ridare speranza, spesso abbandonati dalle Istituzioni e dai poteri che si dimenticano troppo in fretta dei drammi della gente comune.

E’ evidente che un modesto elettricista e modesto scrittore qual io sono, non abbia la possibilità di “modificare” lo status delle condizioni di vita di chi ha subito quel disastro, ma ritengo – così come migliaia di altri nostri connazionali – contribuire ATTIVAMENTE a costruire piccoli percorsi e progetti che possano dare concretamente una mano.

In questo caso ho incontrato l’Associazione Mus-e Italia Onlus che realizza progetti importanti per contrastare l’emarginazione e il disagio sociale nelle scuole attraverso le arti, e sicuramente il terremoto è un fatto che comporta grave stress, disagio ed emarginazione. Essendo anche musicista ritengo che il poter realizzare laboratori di aiuto ai bambini – in questo caso di Visso e Amandola perché abbiamo contatti con autorità e insegnanti del posto – possa rappresentare un piccolo ma significativo contributo di intervento solidale presso di loro.

Da qui l’idea di percorrere l’Italia, la dorsale Adriatica, in bicicletta e portare il libro e le canzoni tratte da esso in incontri e presentazioni finalizzati alla raccolta fondi da destinare ai due laboratori Mus-e. Più fondi si

raccoglieranno più lunghi ed efficaci potranno essere i progetti. Nel corso degli incontri altre associazioni culturali, librerie, singoli e singole sensibilizzati, ciclisti e amanti della mobilità slow, persone che si adoperano per aiutare i terremotati potranno ascoltare e portare il loro contributo. Ovviamente ci sarà un’auto di supporto al percorso condotta da Antonio Impiombato dell’A.C. Il Picchio che trasporterà i libri, l’acqua, la chitarra, e tutto il necessario al viaggio e farà da protezione nelle strade a traffico misto.

IL CROWDFUNDING

Le adesioni potranno essere realizzate con due distinte linee di finanziamento: la prima è un crowdfunding che sarà in linea per 90 giorni da Agosto [orientativamente dal 18.8 – 17.11] a Novembre compreso, qui si potranno versare delle quote libere e anche a fronte di ricompense che saranno poi inviate sia al sottoscrittore che con consegna di copie del libro ai bambini delle scuole di Visso e Amandola. Ogni quota sarà composta da una parte che coprirà le spese minime relative alle ricompense, spese ecc. e una quota pulita che andrà a finanziare i laboratori Mus-e. La piattaforma crowdfunding che verrà utilizzata è www.becrwody.com [Parma] che ha già portato a conclusione efficacemente molti progetti di musicisti, autori, pittori e cantanti conosciuti e non. E’ una piattaforma di raccolta fondi a completa garanzia dell’utente che sostiene il progetto, che controlla che tutta l’operazione sia regolare e versa i fondi solo DOPO l’effettivo raggiungimento dell’obbiettivo del progetto. E’ tutto verificabile pubblicamente.

Il progetto verrà pubblicizzato sui vari portali social, radio popolare, giornali locali, FB ecc..

La seconda linea di finanziamento sarà il versamento sul conto corrente dell’associazione culturale IL PICCHIO di fondi che serviranno a coprire le spese vive del viaggio da Milano a Brindisi [pernottamenti, vitto, alloggio, carburante dell’auto al seguito, pezzi di ricambio bici ecc.], la caratteristica del secondo finanziamento è che TUTTI i fondi che rimarranno grazie alla riduzione di spese dovute all’ospitalità organizzata dalle amministrazioni, dalle associazioni, dai singoli, dalle librerie, ANPI, PRC ecc, lungo il percorso verranno poi versati nel progetto e nel crowdfunding.

Quindi più ospitalità riceveremo più fondi rimarranno.

Per fornire un esempio versando la quota di 50,00€ nel crowdfunding si riceverà una copia del libro a casa, due copie verranno consegnate ai bambini di Visso e Amandola e 25,00€ andranno al progetto laboratori Mus-e e via dicendo [tutti i particolari delle varie distribuzioni delle quote saranno dettagliati all’atto della presentazione del crowdfunding].

Molte sono già le realtà che sensibilizzate stanno aderendo al progetto anche in forma di sponsorizzazione, il Centro Commerciale Le Cupole e il Carrefour di San Giuliano Milanese, le Officine Wort di Imola, l’ANPI di Atessa (CH), la Ciclo-Officina di Pescara, Bicipolitana che seguirà giornalmente con interviste e un blog il percorso, Radio Popolare di Milano che ci intervisterà quotidianamente, i giornali IL GIORNO, IL CITTADINO, LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, le associazioni Bici & Solidarietà, Liberi di… e Il Kantiere Sociale Peppino Impastato di Carovigno, l’amministrazione comunale di Grottammare e molte altre realtà che stanno aderendo all’appello.

IL GIORNO 17 Giugno 2017

LE TAPPE SARANNO INDICATIVAMENTE LE SEGUENTI [alcune sono ancora in fase di definizione in termini di luogo ed ente organizzatore]:

18 Agosto ore 11.00, conferenza stampa e incontro con i giornalisti presso Centro Commerciale Le Cupole di San Giuliano Milanese

19 Agosto partenza da San Giuliano con arrivo previsto provincia di Parma per pernottamento

20 Agosto da Parma a Cavezzo (MO) con ospitalità e cena divulgazione evento e raccolta fondi

21 Agosto da Cavezzo a Imola con ospitalità e cena per evento e raccolta fondi, Officine Wort [Luca Occhi]

22 Agosto da Imola a Cesenatico presentazione del libro e musica in una libreria, raccolta fondi e ospitalità

23 Agosto da Cesenatico a Rimini [conferenza stampa nel centro commerciale Le Befane], ripartenza per Pesaro, pernottamento

24 Agosto da Pesaro a Chiaravalle (AN) presentazione del libro e raccolta fondi e ospitalità circoli

25 Agosto da Chiaravalle/Senigallia a Grottammare, incontro con sindaco, cena e raccolta fondi, ospitalità

26 Agosto Fermo nell’ambito del Festival Filo-Fest presentazione del libro e canzoni e incontro con le autorità di Visso e Amandola.

27 Agosto da Fermo a San Benedetto del Tronto incontro divulgativo, presentazione e raccolta fondi,

28 Agosto ospitalità presso festa PRC di Pagliare di Spinetoli per divulgazione e raccolta fondi, ospitalità

29 Agosto da San Benedetto del Tronto a Pescara, incontro, festa, divulgazione con presentazione e raccolta fondi, ospitalità Ciclo-Officina

30 Agosto da Pescara a Vasto, incontro in libreria, presentazione, raccolta fondi, organizza ANPI Atessa

31 Agosto da Vasto a zona Foggia, viaggio arrivo a San Giovanni Rotondo (FG) [o altra località nei dintorni in definizione] con, ospitalità PRC

1 Settembre ospitalità a San Giovanni Rotondo (FG)

2 Settembre da San Giovanni Rotondo a Molfetta (BA), incontro, presentazione, raccolta fondi

3 Settembre da Molfetta arrivo a Carovigno, conclusione percorso

4 Settembre conferenza stampa serale in piazza, incontro con le associazioni, autorità, con rappresentanti di Mus-e Onlus Italia e dell’Associazione Culturale IL PICCHIO che verranno a presenziare e portare i saluti con l’editore Carlo Pagliacci per la Vento di Zefiro Edizioni.

OBBIETTIVO: obbiettivo raccolta globale lorda di 6.000,00€ / pari a netti circa 4.000,00€

Associazione Culturale Il Picchio e Gino Marchitelli, San Giuliano Mil.se 20.06.2017

 

Annunci

[eventi] – I giovani della Croce Rossa Italiana di Ardea scendono in campo contro la violenza sulle donne!

Una piccola bella notizia nel mondo delle news di cronaca locali: ad Ardea i giovani della Croce Rossa Italiana – Comitato Ardea Onlus hanno ideato e realizzato un video di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne che hanno diffuso in rete.

Ma la loro iniziativa non si è fermata qui: durante lo scorso sabato sono andati nelle piazze per incontrare persone interessate e poter dare informazioni, notizie, supporto e materiali divulgativi dell’iniziativa.

Ecco come è stata lanciata la campagna sul profilo facebook degli organizzatori:

La violenza sulle donne è un crimine che nessuno dovrebbe commettere. I Giovani della Croce Rossa di Ardea, hanno deciso di dedicare un’ intera giornata alla sensibilizzazione della popolazione contro la violenza sulle donne. Vi aspettiamo Sabato 11 marzo tutto il giorno, a largo Genova, Nuova Florida – Ardea, davanti il bar “Salernitana” con tante informazioni utili, attività, e omaggi per voi, con l’esperienza di persone formate nel settore Sociale. CLICCA QUI PER ANDARE ALLA PAGINA FACEBOOK DEL COMITATO ARDEA ONLUS

 

Quindi una giornata all’insegna della sensibilizzazione su questa tematica delicata, con il lancio del filmato che qui vi riporto per permettere anche a voi di vederlo!

 

Il bel video,  riesce a coinvolgere e lancia messaggi importanti!

 

Bravi ragazzi! Un applauso+standing ovation! 😀

Loriana Lucciarini

[forum] – Educare alla completezza di sé

EDUCARENel forum di oggi si parla di Educare…

Un tema sicuramente complesso che non può esaurirsi in un semplice post di poche righe.

Ma, per iniziare, vi offro alcuni stralci tratti dal mio articolo relativo al Seminario “Educare al benessere sessuale” tenutosi ad Orvieto il 3 ottobre 2015 [se volete leggere l’intero articolo andate qui], ci sono ottimi spunti di riflessione per tutti!

Se volete commentare o dare ulteriori spunti di dialogo potete farlo, sotto questo post utilizzando il tasto “Rispondi”; sarò lieta di accogliere i vostri pensieri e punti di vista per parlarne insieme…

Buona giornata

∼ Loriana ∼ 

 

Come fare, nella società civile, nella scuola e nella famiglia, a sviluppare nei giovani una sana individualità, una personalità equilibrata e rispettosa, completa di cognizioni tecnico-scientifiche ma anche degli strumenti per comprendere appieno a saper gestire le proprie emozioni?

Le nuove generazioni dopo un’attenta valutazione sono visti come: iperattivi, iperstimolati, incapaci di concentrazione, fragili e insicuri perché i genitori si sostituiscono a loro nelle scelte e nelle decisioni che li riguardano, ipersensibili.

Con un’attenta educazione i lati negativi possono essere ridotti mentre, lavorando sui lati positivi, si può arrivare a educare le nuove generazioni come migliori. Purtroppo però molti dei progetti, nonostante gli ottimi risultati raggiunti, non vengono socializzati nelle scuole e nel territorio nazionale, permettendo delle esperienze educative solo in alcuni territori e in alcune realtà.

Il corpo è l’aspetto fondamentale per il nostro benessere. È l’involucro dell’anima che vive l’esterno e riceve stimoli e manda segnali alla nostra psiche. Una profonda consapevolezza delle proprie emozioni e, quindi, la padronanza e consapevolezza di comunicazione tra corpo-mente [Consapevolezza emotiva], sviluppa nell’individuo la capacità di saper riconoscere le emozioni e i messaggi del proprio corpo, e gli permette di avere un filo unico tra testa e corpo che porta a una pienezza di sé generando anche l’altrui rispetto. L’individuo che ha consapevolezza emotiva non sviluppa violenza, evita i rischi perché sa riconoscere i segnali esterni e quelli del proprio corpo rispetto a situazioni di stress e di pericolo, riesce a sviluppare rapporti con gli altri equilibrati e appaganti. Saprà scegliere ciò che è bene per lui, perché saprà riconoscere i propri bisogni e desideri arrivando a soddisfarli.

(…)

Il controllo delle emozioni avviene a livello socio-culturale (con il ruolo degli individui, all’essere maschio o femmina), secondo il livello biologico (rispetto delle diversità), a livello riproduttivo (informazioni corrette sia scientifiche che emotive), e sotto il profilo relazionale/affettivo (sui rapporti con gli altri, rispetto all’affettività e all’emotività, rispetto dell’altrui individualità).

I metodi possono essere diversi:

Il metodo integrato educazione socioaffettiva (Roger & Maslow) agisce sul singolo (nella conoscenza di sé), potenzia le capacità di risolvere i problemi (e quindi anche a sopportare lo stress emotivo), sviluppa le relazioni con gli altri (rispetto per gli altri, tolleranza delle differenze nei rapporti sociali).

Il metodo Life Skills Education (supportato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità), lavora principalmente su questi aspetti: l’autostima, l’atteggiamento positivo anche di fronte alle sfide (fiducia in sé e nella vita), sviluppa la positività individuale.

L’altro metodo, quello di Ricerca-Azione (Kurt Lewin) agisce principalmente su:

  • il sapere (fornisce strumenti conoscitivi),
  • il saper fare (fornisce le competenze pratiche per fare),
  • il saper essere (fornisce e sviluppa la persona rendendola capace, grazie al proprio vissuto, di relazioni e rapporti equilibrati e appaganti).

[forum] – Quello che ho imparato dalla vita… lezione n. 29


img2929 – DEDICATI TEMPO

Dedicare del tempo a se stesse è fondamentale per la propria serenità.

È nutrire l’anima. È scoprire di stare così bene da sole per godersi ciò che siamo. È sapersi concedere una coccola profumata.

È dirsi: “Mi amo così tanto che, nonostante le corse quotidiane, ho proprio voglia e desiderio di stare sola e passare il mio tempo assieme alla persona speciale che sono”. RICORDIAMOCELO…

∼ Loriana ∼


In questo percorso di apprendimento stiamo affrontando per tappe gli insegnamenti saggi che la vita ci pone davanti, durante la nostra esistenza. Se questo post vi ha incuriosito, ecco la pagina riepilogativa delle precedenti lezioni già affrontate.