[segnalazione | PER UN’ESTATE DI LIBRI] – «RITROVARSI» di Loriana Lucciarini

Il Salotto di Scintille apre per la stagione estiva «Per un’Estate di libri»! Oltre a freschi cocktail e spruzzi e lazzi parleremo di autori italiani, libri e tante storie…e oggi vi suggerirò la lettura del mio ultimo romance: «RITROVARSI», una storia ambientata nella Dublino contemporanea che unisce il mare d’Irlanda a quello d’Australia, con momenti rock e emozioni.

Una lettura perfetta  per le serate di apertivo serale per questa fantastica estate 2018 a tutta lettura! 🙂 🍹🏄‍♀️🏄‍♂️🏊‍♂️💦👙👡🐳🐠🦀🐚🌻🍉🍒


Coleen è una donna dal carattere forte, che ha gettato alle spalle un passato infelice per riprendere in mano la propria vita. Vive con sua figlia Emily a Dublino, ha un lavoro che le piace, un’amica pazza con cui passa le serata e un matrimonio fallito alle spalle. Quando sua figlia vince i biglietti per il concerto dei Social Review, Coleen la accompagna e qui rincontra Connor, il suo primo grande amore. L’incontro provoca in Coleen grande emozione e la riporta indietro nel passato, alla notte delle lacrime di fata, quando lui, surfista australiano in vacanza studio in Irlanda, si era unito al gruppo composto da lei e i cugini Walsh. Quella notte lei e Connor si erano amati e per qualche ora era stato tutto perfetto, poi tutto aveva preso una piega tragica e il presente di Coleen si era trasformato in una gabbia di sofferenza. Connor, tornato in Australia, non l’aveva mai più cercata. Ora, il nuovo incontro, a distanza di quindici anni di distanza, apre nuovi scenari e porta alla luce sentimenti mai spenti…

Link acquisto

 

Annunci

[Letti per voi] | Short Review: «Fahrenheit 451» di Ray Bradbury. La distopia che preannuncia…

Buongiorno a tutt*! 😀

Recensione veloce veloce, di un libro che andrebbe assolutamente letto: «Fahrenheit 451» di Ray Bradbury, un capolavoro della distopia! Letto in meno di tre giorni, amato tanto, ve lo consiglio per tanti motivi.

Ecco qui la mia Short Review… #distoopia #fantascienza #RayBradbury #Fahrenheit451 #lettura #lettori #leggere #libri #recensione #shortReview #lettiperVoi


FAHRENHEIT 451 di Ray Bradbury – Mondadori – 1953 – genere: fantascienza,  distopico

Montag fa il pompiere in un mondo in cui ai pompieri non è richiesto di spegnere gli incendi, ma di accenderli: armati di lanciafiamme, fanno irruzione nelle case dei sovversivi che conservano libri e li bruciano. Così vuole fa legge. Montag però non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi, una moglie che gli è indifferente e un lavoro di routine. Finché, dall’incontro con una ragazza sconosciuta, inizia per lui la scoperta di un sentimento e di una vita diversa, un mondo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della imperante società tecnologica.  ACQUISTALO QUI


LA MIA RECENSIONE

«Fahrenheit 451» induce a profonde riflessioni sulla società attuale e Bradbury non risulta affatto superato, nonostante il distopico sia degli anni Cinquanta.

Il romanzo – che applica la formula “E se…” e da qui parte a immaginare un futuro non tanto lontano – anticipa, con intelligenza e lucidità alcuni aspetti inquietanti della società di oggi, nonché i meccanismi perversi che li hanno generati.

La capacità di ragionare e scegliere, elaborare,

il pensiero, la memoria,

l’importanza dell’individualità, del ricordo,

i libri come memento, realizzazione della creazione artistica individuale.

Un distopico che termina in un crescendo di ansia e desolazione, che diventa un’accusa di quanto la società già mette in atto, di ciò che potrebbe accadere se perdessimo la capacità di critica, la libertà di parola, la possibilità di scegliere, di agire, di essere protagonisti nel cambiamento e nelle regole della civiltà.

Ottimamente scritto, il cui ritmo è incessante.

Assolutamente da leggere. Asse portante della distopia mondiale.

Loriana Lucciarini

[Letti per voi] – “Come uscire di casa e ritornarci sana & salva” di Jane Goldman

Buongiorno carissim* followers!  😀

Una nuova recensione è qui per voi. Di che si parla? Di  argomenti seri in modo accattivante: ecco un volume per ragazze e ragazzi che, se riuscirete ad accaparrarvelo in una caccia al tesoro sugli store italiani, potrete regalare per una lettura formativa e informativa di tutto rispetto. Purché datato 1999, «Come uscire di casa e ritornarci sana & salva. Ovvero la sicurezza dalla A alla Z» di Jane Goldman, è ancora attualissimo e affronta argomenti importanti con un linguaggio diretto e incisivo. Curiosi? Ve ne parlo subito…

 

Titolo: “Come uscire di casa e ritornarci sana & salva. Ovvero la sicurezza dalla A alla Z”

Autore: Jane Goldman

Editore: Mondadori

Anno: 1997

Formato: cartaceo

Prezzo: il volume risulta introvabile. Qui vi segnalo il link dove è in vendita una copia a 5 euro -> Link acquisto

 

LA MIA RECENSIONE

Edizione 1995 eppure attualissima direi!

Ho comprato questo titolo perché era stato recensito in un forum e alcuni lettori avevano polemizzato anche sul titolo: “Le donne devono avere la libertà di muoversi anche di notte, senza essere importunate i violentate!”, dicevano. Io sono persuasa che, anche se ciò è idealmente corretto nonché auspicabile, le cose stiano in altro modo: purtroppo occorre alzare la soglia di attenzione per non farsi coinvolgere in situazioni di potenziale violenza. Muoversi in modo consapevole, evitando scelte ingenue che si rivelano sbagliate, in una situazione di rischio può essere la scelta vincente. Ecco perché ho trovato utile e lungimirante questo progetto editoriale della Mondadori, rivolto alle ragazze nel lontano 1999.

Perché il volumetto affronta proprio questi spinosi temi, parla di sicurezza e suggerisce come approcciarsi alle situazioni in modo attento e consapevole.

 

Il libro non parla solo di serate, feste, rientri a casa ma affronta anche altre situazioni e aspetti della vita quotidiana, come come comportarsi e agire in caso di effrazioni, di molestie telefoniche, di aggressione o furto. Offre consigli su come comportarsi per evitare situazioni di pericolo o, se si è in una situazione potenzialmente pericolosa, come tutelarsi al meglio.

Un capitolo a parte riguarda anche gli atti di prevaricazione, perpetrati a scuola o in famiglia, di violenza o bullismo e l’abuso sessuale da parte di un adulto.

 

L’autrice dà molti spunti, con un linguaggio diretto, schietto, che parla ai più giovani senza giri di parole. Senza mai gettare colpe, senza mai cadere nel moralismo, con un approccio sano, spontaneo che arriva.

 

La lettura è interessante, con messaggi anche in linea con i tempi, non stereotipati, non banali, sempre un passo avanti anche a livello di autostima, rispetto per se stessa, autodeterminazione.

Insomma, questo libretto mi è piaciuto, per tanti motivi e ve lo consiglio. Non solo, vi invito a regalarlo (sempreché ne troviate copia, che sembra essere introvabile!) e a farlo leggere ai nostri figli (non solo alle ragazze!) perché senza sovrastrutture riesce a veicolare in modo diretto e efficace il messaggio.

5 belle stelline!

Loriana Lucciarini

[Letti per voi] – Da leggere tutto d’un fiato: «Storie inventate in un giorno di pioggia» di aa.vv. | Short Review

Ciao followers! Oggi una recensione veloce veloce e vi parlo di

STORIE INVENTATE IN UN GIORNO DI PIOGGIA – del collettivo autori de Gli Scrittori della porta accanto.

Un volume, diponibile in formato cartaceo e ebook, che vi consiglio perché…

⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓ MIA SHORT REVIEW / RECENSIONE BREVE ⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓⇓

– Copertina flessibile: 239 pagine – Editore: StreetLib (27 aprile 2017) – Disponibile in due formati: ebook e cartaceo. Il cartaceo costa 8.49 mentre l’ebook (Kindle) 0.99 a QUESTO LINK qui: https://www.amazon.it/Storie-inventate-pioggia-Scrittori-Accanto-ebook/dp/B0791N9C95/ref=tmm_kin_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=1518783478&sr=8-1

Tante storie.
Tante storie, tutte ben scritte, di genere diverso, che sapranno tenervi compagnia proprio come il nonno fa con i suoi nipoti.

Storie allegre, divertenti, ironiche, romantiche, ma anche memorie d’esistenza, attimi sospesi di un amore che va via, abbandoni definitivi tra luci che si spengono…
All’interno piccole chicche letterarie, cito fra tutti quelle di Stefania Bergo che, in più di un racconto, ha saputo farmi emozionare.
Un plauso a lei e bravi a tutti gli autori della raccolta.

Loriana Lucciarini