[Letti per voi] – Contromano, il viaggio – di Gianpaolo Colucci

Ciao followers! 😀

Oggi inauguro le SHORT REVIEWS, le recensioni brevi.

Un modo nuovo per proporvi nuove letture, andando al nocciolo 🙂

CONTROMANO, IL VIAGGIO di Gianpaolo Colucci

 

Un viaggio ci cambia:

non saremo mai come quando siamo partiti.

Soprattutto se il viaggio lo facciamo dentro noi stessi…

Questo è un viaggio alla ricerca delle radici, che – paradossalmente – aiuta a rimanere, a restare, anziché ad andare. Una bella storia di ricordi, memorie, famiglia, rapporti e relazioni, dove il protagonista, cercando di riannodare i fili del passato, troverà anche se stesso.

Una storia che scava e trova, ancorati in punta di memoria, attimi di un passato che a volte ci risulta indifferente. Un passato che sembra avulso a noi, quando invece ne siamo il frutto. Infatti, quelle scelte, quegli intrecci del destino hanno portato proprio a noi…

Bravo Gianpaolo Colucci nella narrazione, ottima la struttura narrativa.

Consigliatissimo per l’approfondimento psicologico e la carica d’umanità.

Loriana Lucciarini


ACQUISTALO QUI https://www.amazon.it/Contromano-viaggio-Gianpaolo-Colucci/dp/8898824858

Sinossi

La morte ci lascia del tempo. Arriva, si prende una persona cara e ti lascia per alcuni mesi in una specie di torpore. Come in un sogno, per quanto tutto ciò che guardiamo o tocchiamo ce ne ricordi l’assenza, continuiamo a chiederci se stiamo vivendo in un mondo onirico o nella realtà. Non è che non avessi realizzato, anzi. Il dolore c’era già dall’inizio, ma arriva il momento in cui realizzi che niente sarà più come prima e l’unica cosa che ti resta da fare è accettare con rassegnazione che quel dolore e quel senso di perdita faranno parte del resto della tua vita. Per me, quel momento, arrivò forte come uno schiaffo, quella sera dopo la telefonata di Serena. Spensi i pensieri e andai a dormire.

[libri/novità] – Giulia Mastrantoni al Salone del Libro di Torino | presentazione ufficiale nuova uscita «La forma del sole»

Importante novità editoriale che coinvolge un’autrice che stimo e della quale sono amica: Giulia Mastrantoni.

Giovanissima poliedrica scrittrice, eclettica artista, speaker radiofonica, scrittrice, attenta alle relazioni e alla psicologia, amante dei viaggi e del caffé. Seguitela, scoprirete un mondo fatto di parole, emozioni, musica, colori!

Oggi assieme a Giulia vi porto ne «La forma del sole» la sua raccolta di racconti pubblicata con Echos edizioni che sarà presentata per la prima volta al Salone del Libro di Torino, dal 18 al 23 maggio, al padiglione 3 stand Q33.

Se sarete tra le tante lettrici e lettori presenti al Sal.To. non mancate di fare un salto allo stand. Per chi seguirà solo virtualmente, ve ne parlo in anteprima qui… 😛

LA FORMA DEL SOLE

Giulia Mastrantoni

Echos edizioni

Ci sono libri che aprono ferite, altri che le guariscono. E poi ci sono loro, le storie scritte per isolarsi dal mondo, per recuperare il sorriso e la voglia di vivere, imparando a convivere con le cicatrici. La forma del sole è nato come un tentativo di ritrovare la luce, laddove c’erano troppe ombre, valorizzando ogni cicatrice e intessendovi sopra delle storie che ne demistificassero la realtà del passato. Ѐ la voglia di trasformare in lezioni di vita interiore le piccole paure del quotidiano, le piccole delusioni che fanno male all’anima, ma che possono tramutarsi in arcobaleni che seguono la tempesta. Questi racconti cercano un riparo dal mondo, una stanza colorata in cui esista solo lo spazio per pensare a come trasformare in luce il pensiero più svogliato.


Sinossi

Questi racconti sono privi di qualunque pretesa, ma si fanno portatori della speranza di rendervi felici. La felicità non sta nel mondo esterno, quanto nella nostra capacità di sorridere della vita, imparando che, anche quando non tutto va come vorremmo, c’è quella meravigliosa possibilità chiamata futuro che può regalarci una vita nuova. Sono racconti che fanno ironia in modo delicato, lasciando che la fantasia faccia il resto. Ci sono Brad Pitt e il Bianconiglio che rincorrono il tempo perduto, un vecchio che prepara cioccolate calde alle storie d’amore a brandelli e vampiri che non sono protagonisti della loro storia. Ci sono anche stralci di oroscopo, perché il futuro è un grande punto interrogativo che ci accompagna in ogni momento. La forma del sole è la ricerca di un mondo parallelo e felice, in cui i pensieri colorino ogni angolo della mente.