[Letti per Voi] – Short Review: “Diavoli Custodi” di Erri De Luca

Ciao a tutti, per quest’estate libridinosa sono a lasciarvi una brevissima recensione di una delle mie ultime letture: DIAVOLI CUSTODI di Erri De Luca e Alessandro Mendini

Ho da poco ultimato anche la lettura di un altro romanzo del Maestro (“La natura esposta”) e questo volume l’ho acquistato proprio durante la presentazione di Erri De Luca a Civita Castellana durante la kermesse Civitonica (di questo evento ho parlato anche in un paio di miei articoli e ho potuto intervistare anche l’autore, googolate se volete sapere di più).

Comunque, era da tempo che volevo leggere questo titolo e ho approfittato delle mie ferie per buttarmi fra le pagine. Quello che ho trovato è introspezione, memoria, racconto, paure…

Ecco qui la mia SHORT REVIEW…

Dall’incontro dell’autore con Alessandro Mendini nasce questo volume che scandaglia l’animo umano alla ricerca delle paure più profonde.

In un gioco creativo (l’artista ha realizzato tavole illustrate e l’autore ne ha dato parole e voce) ecco DIAVOLI CUSTODI che rappresenta una discesa negli inferi della coscienza collettiva, paure ancestrali che l’umanità si porta dietro nei secoli, paure che non perdono forza nonostante il tempo.

Il terremoto, l’indifferenza, la guerra. Ecco alcuni dei mostri che Mendini e De Luca fotografano in scatti da incubo. Ma ce ne sono molti altri e in tutti ci possiamo riconoscere.

Le linee incerte dell’artista rendono con potenza espressiva l’agitazione dell’animo nel prendere consapevolezza che in sé si agita quel mostro.

Le parole dello scrittore impastano di sentimento, ricordo, accusa le pagine.

Un lavoro che ho apprezzato, pur se la frammentazione degli argomenti mi ha fatto calare in modo minore nella struttura narrativa dell’autore, che tanto amo. Ciò non toglie che questo non sia un titolo assolutamente da leggere.

Loriana Lucciarini

[Letti per voi] – La storia di Irene, di Erri De Luca: libro di emozioni, vita, sogni, ricordi, magie…

Carissim*, oggi vi parlo di una delle mie ultime letture: «LA STORIA DI IRENE», di Erri De Luca.

Una storia fantastica, piena di poesia e ruvidezza di vita che ci arriva però come una carezza.


Erri De Luca, il  Maestro, continua a commuovermi e stupirmi tra le righe dei suoi romanzi. 

Lui, che si definisce raccoglitore di storie, è autore capace. Il suo stile asciutto, che si apre a momenti di inaspettata liricità, rende la carta viva, vibrante di suoni, rumori, colori, profumi, sensazioni.

«La storia di Irene» è una storia piena di magia, di vita, di sogni, di ricordi.

Una storia fantastica dove le persone si trovano nella realtà dell’esistenza, dove gli sguardi raccontano, dove le rughe e le cicatrici sulla pelle diventano la carta inchiostrata in cui le storie di ognuno si narrano.

Il volume contiene anche altri due racconti, che ho apprezzato per le descrizioni efficaci e l’approfondimento della sensibilità dei personaggi.

Da leggere, ovviamente, come sempre quando si tratta di Erri De Luca!

Loriana Lucciarini

ACQUISTALO QUI

 

[letti per voi] – Montedidio, Erri De Luca

erri de lucaerrideluca autografoMontedidio è il quartiere abusivo di Napoli, dove le antiche credenze e il cuore generoso partenopeo pulsano e animano le vie. Montedidio è il luogo della vita disagiata e disperata della gente dei vicoli, coi panni stesi che profumano e offrono l’illusione di allontanare almeno per un po’ l’odore della miseria.

I  personaggi di questa storia hanno un’umanità verace instillata di magia e santità, di cui Don Rafaniello, il mite calzolaio polacco, è la figura emblematica intensa e affascinante. Mentre Maria è invece l’apoteosi della Napoli dei quartieri bassi: schietta e vera, forte determinata a non dover abbassare ancora la testa, coraggiosa e crudele nel riappropriarsi della propria identità. Poi ci sono gli altri….

Mast’Enrico, onesto brav’uomo, che insegna i mestiere di falegname al giovane protagonista di questa storia. E poi lui, questo incerto 13enne con la vita in tripudio nel suo corpo in trasformazione che esplode a ogni battito, con la voglia di volare via dai silenzi. Quei silenzi che graffiano le quattro mura di casa sua; silenzi che un padre affranto e spezzato non riesce a far vibrare, facendo sprofondare entrambi nella solitudine.

Il ragazzo è così schiacciato dalla grande storia d’amore escludente dei propri genitori, scordato da un padre distratto e troppo preso dalla malattia della moglie per essere una presenza importante e di guida per suo figlio.

C’è quindi tutto in questo romanzo, soprattutto c’è Vita… Vita che odora, che arranca, che frigge. Vita che scorre, che tradisce e ferisce. Vita che illumina, che stupisce, che aggredisce. Vita che stupisce con i suoi miracoli, vita che trasuda di battiti in ogni singola pagina, tra le parole vestite di poesia, che Erri De Luca sapientemente dissemina come gemme preziose tra le righe di questo romanzo.

Alta narrativa, alta letteratura. Un’arte che l’Autore sa tessere bene tra emozioni, tradizioni e miracoli.

Erri De Luca non tradisce il lettore donando un romanzo breve che è un capolavoro.

Da non perdere. Assolutamente da leggere!

∼ Loriana ∼


Altre info

Titolo: Montedidio

Autore: Erri De Luca

Autore: Universale Economica Feltrnelli

Edizione: 2002

Pagine: 142

Prezzo: 6,50 euro

Acquistalo qui

Lampedusa/Erri De Luca

11150421_10205499501440896_4537392212911825680_n

Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo
sia benedetto il tuo sale e sia benedetto il tuo fondale
accogli le gremite imbarcazioni senza una strada sopra le tue onde
i pescatori usciti nella notte le loro reti
tra le tue creature che tornano al mattino
con la pesca dei naufraghi salvati

Mare nostro che non sei nei cieli
all’alba sei colore del frumento
al tramonto dell’uva di vendemmia
che abbiamo seminato di annegati più di qualunque età delle tempeste

Mare nostro che non sei nei cieli
tu sei più giusto della terra ferma
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le riabbassi a tappeto
custodisci le vite, le visite cadute come foglie sul viale
fai da autunno per loro
da carezza, da abbraccio
da bacio in fronte di padre e di madre prima di partire.

Erri De Luca