[letti per voi] – Nàvian, Filomena Cecere

vanianNàvian è un racconto breve, scritto da Filomena Cecere, autrice poliedrica che si destreggia bene in tutte le ambientazioni del fantasy (dallo steampunk alla fantascienza, dall’horror all’urban fantasy).

Il racconto è disponibile sui vari store online e si presta a una lettura di breve durata, non senza il giusto appeal.

Nàvian è la storia di un guerriero e della sua vendetta.

Di un dittatore sanguinario e della ribellione di un popolo.

Narra di morte e di coraggio.

E di una leggenda che si fa reale, spezzando un potente sortilegio.

cecereGli elementi per appassionare il lettore ci sono tutti, avrei gradito poter leggere più pagine perché il racconto è troppo breve e invece i personaggi sono davvero intriganti!

Chissà se l’Autrice ne ha previsto un seguito o un’integrazione? 🙂

Lettura consigliata.

∼Loriana ∼


Altre info

 

  • Titolo: Nàvian
  • Autore: Filomena Cecere
  • Editore: Gds
  • Anno: 2013
  • Formato: ebook
  • Prezzo: 1.11 euro
  • Acquistalo qui

 

Sinossi

Nàvian non aveva più una casa, né un villaggio. Aveva perso tutto da quel giorno in cui Wùrador sterminò la sua razza. Con i pochi superstiti si ribellò al sovrano, ma scoprì presto che l’immortalità del tiranno era un ostacolo alla loro libertà. Una leggenda diede una nuova speranza agli esuli. Lo scontro sta per avere inizio.

L’Autrice: Filomena Cecere

????????????????????????????????????

Autrice eclettica, con predilezione per tutti i generi legati al fantastico. Ha pubblicato I cavalieri di Elidar (2008), Il sacro diaspro (2009), Il pugnale di ghiaccio (2010), Le streghe della palude (2011), Pilipaf e il segreto dell’Unicorno millenario (2014).
Oltre a numerosi racconti per diverse antologie, ha pubblicato anche vari istantanei e short stories presenti in ebook sui vari store online.
Consulente editoriale e curatrice di collane, nel 2011 fonda l’associazione culturale Chimera.
Il suo sito ufficiale è http://www.filomenacecere.it/

 

[letti per voi] – Stazione 8.0, Filomena Cecere

Immagine

stazione80

Di Filomena Cecere, l’autrice di questo racconto, Stazione 8.0, vi ho già parlato in altri post. È autrice eclettica che spazia da tutte le declinazioni del genere fantasy, nonché curatrice editoriale.

Ho scaricato da Amazon una serie di racconti brevi e questo mi aveva colpito un po’ per l’argomento e molto per la copertina evocativa. Gli altri due titoli da me acquistati erano di sottogenere diverso: fantasy puro, rispetto a questo che invece è un science fiction.

Dicevo, tre titoli per tre racconti brevi. Perché? Ero curiosa di vedere in che modo l’autrice guidava la sua scrittura attraverso i mondi differenti della letteratura fantastica e devo dire che le sue ambientazioni e le sue storie sono risultate tutte ben descritte, con stile narrativo adeguato rispetto al genere trattato.

Ora veniamo a Stazione 8.0. Questo racconto breve che ci cala in un futuro apocalittico postatomico e narra brevi stralci di vita di una giovane esistenza, ci trascina nel suo mondo sotterraneo senza luce. Vi troviamo frammenti sparsi dell’antica umanità, annidatasi sotto la crosta terrestre per fuggire alle radiazioni atomiche e, ciò che erano solo i ricordi degli anziani, improvvisamente diventeranno realtà…

Bello spunto che, forse, poteva essere ampliato per dare al tutto più ampio respiro, ma che comunque vanta di descrizioni efficaci e di un messaggio positivo e importante: la speranza.

Consigliato agli amanti del genere per una lettura veloce.

∼ Loriana ∼


 

Altre info

Titolo: Stazione 8.0

Autore: Filomena Cecere

Editore: GDS

Genere: Science fiction

Prezzo: 0.99 euro

Formato: ebook

 

Sinossi

“Non si può soffrire per ciò che non si ha mai avuto”. Sosteneva Diana, per sopportare la vita nel buio della cloaca in cui era costretta a vivere dopo l’esplosione atomica del 2079. Il destino le aveva portato via molto, ma le concedeva ora una nuova possibilità. Un nuovo inizio.