[Letti per voi] – Nòstos Il ritorno – Giusy Del Vento

banner

libro3Titolo: NOSTOS – Autore: Giusy Del Vento – edizioni: ilmiolibro.it – genere: poesie – Anno: 2015 – pagine: 92 – prezzo: 10 euro il cartaceo – link per l’acquisto


Bellissima silloge di poesie questa “Nòstos. Il ritorno” di Giusy Del Vento.

Nòstos, che significa ritorno.

Un ritorno solo grazie al quale la nostalgia e sofferenza data dalla separazione si può colmare. Nòstos è lo struggimento dell’attesa di potersi ritrovare e la gioia pura del abbraccio che riunisce…

Mi sono emozionata nel leggere ogni singola lirica: liriche lievi e intessute di vissuto reale, emozioni e musicalità.

La penna sensibile e capace di Giusy Del Vento è piena di luce e questa stessa luce è presente in ogni parola, in ogni rima, in ogni composizione poetica.

Amore, radici, sentimento, affetto, profumi, immagini evocative forti e delicate, vive e profonde.

L’autrice sa creare un’alchimia perfetta tra immagini e vissuto reale, le condisce di colori e profumi – quelli del quotidiano e proprio per questo non banali ma ripieni di bellezza e di forte impatto emotivo. Il lessico ricercato mantiene leggerezza e spontaneità, penetrando nell’animo di chi legge, lasciando sentori di aromi, fotografie di vita e di emozioni che non vanno via, rimangono, si installano, si ancorano con leggerezza e bellezza.

La lirica iniziale è quella che offre la visione generale del contenuto del volume.

Così oggi ho steso parole

per i giorni di assenza

Le ho stirate ad una ad una

piegandole per bene

e riposte in un cassetto

con un mazzolino di lavanda

Le troverai lì

se sarò partita prima di te

quando distratto cercherai

un fazzoletto o una vecchia foto

Le spiegherai con uno schiocco

e nella stanza tornerà il sole.

La bellezza della vita è celebrata nelle rime di queste composizioni colorate di emozioni e sfumature di serenità. Tale bellezza si ritrova nel vivere quotidiano, fatto di piccoli gesti, di sguardi, di aromi che profumano di terra, sole, famiglia, amore. Con il richiamo sempre presente alle composizioni classiche e ai miti greci.

Nel frastuono della tempesta

dicesti – ti amo –

piano, quasi a te stessa

ma io riuscii a sentirlo ugualmente

Furono così lisce, calde e morbide

quelle parole di seta

come fossero una sciarpa

che mi annodsati al collo

La indosso ancora

sempre

Anche nei giorni di sole

Giusy Del Vento è l’autrice di questa bella raccolta. Un’autrice che stimo e apprezzo da tempo e che oggi voglio farvi conoscere, perché merita davvero essere scoperta da voi.

Volume assolutamente da leggere perché di poesia vera, delicata, forte, bella.

∼ Loriana ∼

[recensioni] – Una normale strana vita, di Arianna Berna

bannerCare e cari lettori, oggi vi parlo di un romanzo profondo e impegnato.

Lo ha scritto una giovane autrice, Arianna Berna, e tratta il tema attuale della violenza sulle donne.

Ecco a voi  “Una normale strana vita”…

https://scintilledanima.files.wordpress.com/2014/01/dcb71-libroarianna.jpg

titolo: “Una normale strana vita” – autore: arianna berna – genere: narrativa – anno: 2014 – formato 12×18 – 160 pp. – Isbn: 9788891055163 – prezzo: 13.50 euro – acquistalo qui

La trama

Bianca prima s’illude e perdona le bugie del suo uomo, poi subisce e non reagisce quando questi le usa violenza. Tenta di giustificarlo per quel gesto impossibile da comprendere, per una donna innamorata che si affida al proprio partner per riceverne amore. 

” L’unica certezza è che lo desidero forse di più di tutte le altre volte. Lo desidero perché credevo di averlo perso e invece è qui, non importa se mi sta facendo male, ho bisogno di sapere che va tutto bene e che siamo ancora un noi. Mi basta averlo qui per cancellare i dubbi e le perplessità, per il resto troveremo una soluzione, magari qualche balla me l’avrà raccontata, ma alla fine non può fare a meno di me. Gli sono entrata nel sangue come lui a me.”

Così Bianca, per troppo amore, viene trascinata nell’orrore di violenza e nella spirale di oppressione psicologica che l’uomo della sua vita le impone. Ma poi arriva il momento speciale di consapevolezza, duro crudo e doloroso, il momento in cui Bianca capisce davvero che deve assolutamente cambiare la sua vita e che è arrivato il momento per farlo. Così parte e ritrova se stessa, si ricostruisce pezzo per pezzo, illusione dopo dolore, dolore dopo amarezza, amarezza dopo consapevolezza. E quando riesce a rompere queste catene, al culmine della sofferenza, la sua vita cambia e il futuro nuovo e diverso – faticosamente raggiunto e fortemente voluto – arriva.

Lo stile narrativo è “in prima persona, tecnica di solito difficile da gestire, ma che qui trova un’applicazione coerente, coordinata e lineare, tanto che la narrazione diventa l’ascoltare il racconto di una amica come se fosse accanto a noi in ogni momento. Trama e temi importanti ben incastonati nell’evolvere della narrazione rendono la lettura interessante.” (dal commento di Stefano, tratto dal sito de ilmiolibro.it) 

Scrive Lorenza Carli nella sua recensione al libro: “Non esiste amore senza rispetto. Bianca ha bisogno di raccontarsi per esorcizzare i suoi demoni. Ha capito che per conquistare la serenità è necessario passare attraverso il baratro, guardare in faccia la paura, il dolore. Bianca è una donna che ha convissuto con un’ossessione e l’ha scambiata per amore. In nome di questa strana specie di amore ha subito tradimenti e umiliazioni di ogni genere e, come molte donne, ha sempre giustificato, capito, scusato, difeso, perdonato. E’ una storia attuale, che ormai tutte le donne dovrebbero conoscere bene, ma chi ne è vittima sa che ribellarsi è difficilissimo. Il nostro aguzzino è travestito da principe azzurro, o viceversa e troppo spesso una donna maltrattata resta invischiata in questa odiosa tela di ragno mascherata da sentimento. Per fortuna esistono le amiche, almeno in questa storia, esiste la zia Agostina, una sorta di vice madre. E per fortuna che c’è la Grecia: una vacanza con le amiche, ritrovarsi, godere delle piccole cose di ogni giorno, riconquistare un briciolo di sicurezza, sentirsi di nuovo bella, apprezzata. (…)”  leggi tutto

La penna di Arianna Berna ci porta a diventar partecipi di questa storia. Così – pagina dopo pagina – ci ritroviamo nei pensieri di Bianca, soffriamo con lei precipitando nel suo inferno personale e gioiamo quando riesce a riprendersi la propria vita, vivendola da protagonista.


L’autrice affronta un tema attuale e purtroppo in crescita, della violenza sulle donne. Lo fa con uno stile puntuale e pungente, descrivendo il percorso psicologico della protagonista in modo lucido e approfondito.

 

Bianca è stata protagonista di un reading a Parma, insieme ad altre storie, per sostenere la lotta contro la violenza sulle donne, nell’ambito dell’evento Una Carezza rosso sangue. Due estratti del libro “Una normale strana vita” sono stati pubblicati nel libro “Una carezza rosso sangue” a scopo benefico. Per maggiori informazioni questa è la pagina dell’evento vai al sito

Il romanzo è attualmente in vendita nel circuito Feltrinelli e in ebook su Amazon.

Per acquistare il libro di Arianna Berna, leggerne le recensioni e i commenti dei lettori e poter visualizzare l’anteprima delle prime pagine  andate qui

Buona lettura!

∼ Loriana ∼