[Letti per Voi] – Short Review: “Diavoli Custodi” di Erri De Luca

Ciao a tutti, per quest’estate libridinosa sono a lasciarvi una brevissima recensione di una delle mie ultime letture: DIAVOLI CUSTODI di Erri De Luca e Alessandro Mendini

Ho da poco ultimato anche la lettura di un altro romanzo del Maestro (“La natura esposta”) e questo volume l’ho acquistato proprio durante la presentazione di Erri De Luca a Civita Castellana durante la kermesse Civitonica (di questo evento ho parlato anche in un paio di miei articoli e ho potuto intervistare anche l’autore, googolate se volete sapere di più).

Comunque, era da tempo che volevo leggere questo titolo e ho approfittato delle mie ferie per buttarmi fra le pagine. Quello che ho trovato è introspezione, memoria, racconto, paure…

Ecco qui la mia SHORT REVIEW…

Dall’incontro dell’autore con Alessandro Mendini nasce questo volume che scandaglia l’animo umano alla ricerca delle paure più profonde.

In un gioco creativo (l’artista ha realizzato tavole illustrate e l’autore ne ha dato parole e voce) ecco DIAVOLI CUSTODI che rappresenta una discesa negli inferi della coscienza collettiva, paure ancestrali che l’umanità si porta dietro nei secoli, paure che non perdono forza nonostante il tempo.

Il terremoto, l’indifferenza, la guerra. Ecco alcuni dei mostri che Mendini e De Luca fotografano in scatti da incubo. Ma ce ne sono molti altri e in tutti ci possiamo riconoscere.

Le linee incerte dell’artista rendono con potenza espressiva l’agitazione dell’animo nel prendere consapevolezza che in sé si agita quel mostro.

Le parole dello scrittore impastano di sentimento, ricordo, accusa le pagine.

Un lavoro che ho apprezzato, pur se la frammentazione degli argomenti mi ha fatto calare in modo minore nella struttura narrativa dell’autore, che tanto amo. Ciò non toglie che questo non sia un titolo assolutamente da leggere.

Loriana Lucciarini

[segnalazione | PER UN’ESTATE DI LIBRI] – «RITROVARSI» di Loriana Lucciarini

Il Salotto di Scintille apre per la stagione estiva «Per un’Estate di libri»! Oltre a freschi cocktail e spruzzi e lazzi parleremo di autori italiani, libri e tante storie…e oggi vi suggerirò la lettura del mio ultimo romance: «RITROVARSI», una storia ambientata nella Dublino contemporanea che unisce il mare d’Irlanda a quello d’Australia, con momenti rock e emozioni.

Una lettura perfetta  per le serate di apertivo serale per questa fantastica estate 2018 a tutta lettura! 🙂 🍹🏄‍♀️🏄‍♂️🏊‍♂️💦👙👡🐳🐠🦀🐚🌻🍉🍒


Coleen è una donna dal carattere forte, che ha gettato alle spalle un passato infelice per riprendere in mano la propria vita. Vive con sua figlia Emily a Dublino, ha un lavoro che le piace, un’amica pazza con cui passa le serata e un matrimonio fallito alle spalle. Quando sua figlia vince i biglietti per il concerto dei Social Review, Coleen la accompagna e qui rincontra Connor, il suo primo grande amore. L’incontro provoca in Coleen grande emozione e la riporta indietro nel passato, alla notte delle lacrime di fata, quando lui, surfista australiano in vacanza studio in Irlanda, si era unito al gruppo composto da lei e i cugini Walsh. Quella notte lei e Connor si erano amati e per qualche ora era stato tutto perfetto, poi tutto aveva preso una piega tragica e il presente di Coleen si era trasformato in una gabbia di sofferenza. Connor, tornato in Australia, non l’aveva mai più cercata. Ora, il nuovo incontro, a distanza di quindici anni di distanza, apre nuovi scenari e porta alla luce sentimenti mai spenti…

Link acquisto

 

[Letti per voi] | Short Review: «Fahrenheit 451» di Ray Bradbury. La distopia che preannuncia…

Buongiorno a tutt*! 😀

Recensione veloce veloce, di un libro che andrebbe assolutamente letto: «Fahrenheit 451» di Ray Bradbury, un capolavoro della distopia! Letto in meno di tre giorni, amato tanto, ve lo consiglio per tanti motivi.

Ecco qui la mia Short Review… #distoopia #fantascienza #RayBradbury #Fahrenheit451 #lettura #lettori #leggere #libri #recensione #shortReview #lettiperVoi


FAHRENHEIT 451 di Ray Bradbury – Mondadori – 1953 – genere: fantascienza,  distopico

Montag fa il pompiere in un mondo in cui ai pompieri non è richiesto di spegnere gli incendi, ma di accenderli: armati di lanciafiamme, fanno irruzione nelle case dei sovversivi che conservano libri e li bruciano. Così vuole fa legge. Montag però non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi, una moglie che gli è indifferente e un lavoro di routine. Finché, dall’incontro con una ragazza sconosciuta, inizia per lui la scoperta di un sentimento e di una vita diversa, un mondo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della imperante società tecnologica.  ACQUISTALO QUI


LA MIA RECENSIONE

«Fahrenheit 451» induce a profonde riflessioni sulla società attuale e Bradbury non risulta affatto superato, nonostante il distopico sia degli anni Cinquanta.

Il romanzo – che applica la formula “E se…” e da qui parte a immaginare un futuro non tanto lontano – anticipa, con intelligenza e lucidità alcuni aspetti inquietanti della società di oggi, nonché i meccanismi perversi che li hanno generati.

La capacità di ragionare e scegliere, elaborare,

il pensiero, la memoria,

l’importanza dell’individualità, del ricordo,

i libri come memento, realizzazione della creazione artistica individuale.

Un distopico che termina in un crescendo di ansia e desolazione, che diventa un’accusa di quanto la società già mette in atto, di ciò che potrebbe accadere se perdessimo la capacità di critica, la libertà di parola, la possibilità di scegliere, di agire, di essere protagonisti nel cambiamento e nelle regole della civiltà.

Ottimamente scritto, il cui ritmo è incessante.

Assolutamente da leggere. Asse portante della distopia mondiale.

Loriana Lucciarini