[Letti per voi] – Un viaggio dentro anime inquiete, sospinte da vento di vita e pensieri | La Camminatrice e la Resistente… pura poesia!

Mercoledì di recensioni oggi per Scintille d’Anima! 😀

Stamattina vi ho proposto un volume per ragazzi.

Adesso invece un  bellissimo volume di narrativa, sempre edizioni Le Mezzelane, che ho ultimato proprio ieri sera:

«La camminatrice e la resistente» di Maria Zaffira Secchi.

 

Poesia pura tra le trame larghe di questo romanzo.

Una scommessa originale, una storia speciale, una narrazione unica.

Da leggere!

Il flusso di coscienza depositato a futura memoria nel carteggio di lettere scovato in una grotta, permette di ritrovarsi nel respiro di queste due anime, quello della camminatrice e quello della resistente.

Due esistenze, diverse. Lontane. Forse neanche parallele.

Due venti a velocità diversa.

Uno, turbine di parole e sentimenti. L’altro, quieto, fermo, consapevole.

Due vite, distanti eppure legate, presenti altrove eppure vibranti nel qui.

Presenze andate, partite restate, tornate, sconosciute ma riconoscibili ai mutamenti del tempo e dello spazio, come le maree sempre nuove ma cicliche, nel ritmo dell’esistenza.

Due anime, una motore per l’altra.

E la forza della prima una sgancerà le remore della seconda, diventerà esempio, strada di cammino, tifone liberatorio, nuova vita per lo spirito, con un terremoto di certezze e schemi che andrà in frantumi per portare spirito e cuore in alto.

Una lettura che offre più spunti di riflessione e che si presta a riletture a più livelli.

Tanti i segnali da cogliere all’interno della prosa lirica della Secchi, dai semi (future promesse, aspettative e certezze), ai fiori blu (un legame, un richiamo), ai ricordi, agli aromi portati dal soffio gentile del vento.

Lettura per palati raffinati e spirito inquieti.

Per donne in cerca.

Per chi non si accontenta.

O, semplicemente, per chi vuol farsi emozionare.

 

Consigliatissima!

Loriana Lucciarini


TITOLO: LA CAMMINATRICE E LA RESISTENTE

AUTORE: MARIA ZAFFIRA SECCHI

EDITORE: LE MEZZELANE

GENERE: EPISTOLARE – INTIMISTICO

ANNO: 2017

FORMATO: CARTACEO E EBOOK

PREZZO: EBOOK 2,49€ – CARTACEO 8,90€

LINK ACQUISTO: Amazon   –   Ibs    –   Le Mezzelane


Sinossi

Il libro narra di un carteggio tra due donne nascosto in una grotta.
Le loro vite così diverse hanno in comune lo stesso rigoroso senso del rispetto, la fatica del movimento verso la comprensione, la percezione di essere un tutt’uno con l’universo.
La natura, le stagioni, ma soprattutto i fiori, fiori di tutte le sfumature del blu, sono il filo conduttore di questo scambio epistolare che è dialogo e monologo, narrazione e riflessione, scoperta ed esposizione profonda dell’alterità delle donne, del loro vero essere interiore, così spesso snaturato e violato.

[eventi] – Centomila poeti per il cambiamento, anche quest’anno Scintille d’Anima organizza evento web sul blog | 30 settembre 2017

Come è ormai consuetudine, anche quest’anno il blog Scintille d’Anima e Loriana Lucciarini sono tra gli organizzatori dell’evento mondiale 100 TPC – Centomila poeti per il cambiamento.

Via web, sul blog, il giorno 30 settembre verranno pubblicate poesie di autori internazionali, per diffondere il messaggio di speranza che i versi, la sensibilità e l’animo umano riescono a produrre.

Apro il lancio di questo evento con i versi di Walt Withman, poeta, scrittore e giornalista statunitense, cantore della libertà e di un ideale visionario che mette l’essere umano al centro rispetto al senso di percezione e comprensione delle cose.

La poesia salverà il mondo

Il mondo sottomarino,
Foreste al fondo del mare, i rami, le foglie,
Ulve, ampi licheni, strani fiori e sementi,
folte macchie, radure, prati rosa,
Variegati colori, pallido grigio verde,
porpora, bianco e oro, la luce vi scherza
fendendo le acque
Esseri muti nuotan laggiù tra le rocce,
il corallo, il glutine, l’erba, i giunchi,
e l’alimento dei nuotatori
Esseri torpidi brucan fluttuando laggiù,
o arrancano lenti sul fondo,
Il capodoglio affiora a emetter lo sbuffo
d’aria e vapore, o scherza con la
sua coda,
Lo squalo dall’occhio di piombo,
il tricheco, la testuggine, il peloso
leopardo marino, la razza,
E passioni, guerre, inseguimenti, tribù,
affondare lo sguardo in quei fondi
marini, respirando quell’aria così
densa che tanti respirano,
Il cambiamento, volgendo lo sguardo qui
o all’aria sottile respirata da esseri che
al pari di noi su questa sfera
camminano,
Il cambiamento più oltre, dal nostro
mondo passando a quello di esseri
che in altre sfere camminano.

(Walt Withman)

…Siateci! 😉

Loriana Lucciarini

[letti per voi] – “Sangue e miele” di Emma Fenu

Titolo: “Sangue e Miele” 

Autore: Emma Fenu

Editore: Amazon selfpublishing

Anno: 2016 – Genere: poesia/prosa

Pagine: 94 pp

Prezzo: ebook 0.99 – cartaceo: 9.99

Link per l’acquisto qui


Sinossi

L’antologia “Sangue e Miele” contiene racconti, fiabe e poesie incentrati sulla femminilità, con particolare attenzione alla violenza contro le donne e le bambine. Il testo è corredato da traduzione in catalano, opera del prof. Aldo Sari e da illustrazioni a colori, opera di Serena Mandrici.
“Sono tutte fiabe queste mie parole che si aggrappano ad un filo rosso, un cordone teso fra madri e martiri.
Fiabe impolverate e antiche, non edulcorate, che hanno sapore di ferro e latte, che non temono sangue e tabù.
Fiabe di donne e bambine, di orchi e principi, di sentieri nel bosco e di strade di città, di sole e di neve.
Fiabe di creature immensamente umane che diventano, cantando ninna nanne e nenie funebri, dee. Dee del miele”.

Emma Fenu, nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen.

Si occupa da anni di Storia delle Donne, di Letteratura e di Iconografia; è attiva contro la violenza di genere; recensisce libri e intervista scrittori per vari siti web; presiede un blog, “Cultura al femminile”, tiene corsi di scrittura creativa e insegna lingua Italiana agli stranieri.


La mia recensione

16603124_10210425801835327_712561043092625048_n

Vita, dolore.

Vita, dolcezza.

Dicotomia inscindibile, legata da parole.

Emma Fenu sa descrivere vita fatta di poesia. Una poesia arcana, fatta di miti, fiabe, nenie ancestrali, richiami antichi alle donne dee, fiere selvagge che ancora tessono valori, ricoprono ruoli, diventano esempi.

Il volume passa da prosa a poesia, haiku e racconti, narrando di donne e della loro anima intessuta di luce e vento, profumi e ricordi, divieti e coraggio, terra e morte.

Vite di donne profanate, uccise, violate.

Vite di dolore e rinascita,

di forza e potere,

sulle ali del vento potente

forgiate dal fuoco di vulcani,

dee immortali, fenici che risorgono,

tra gli aromi di madreterra.

Per lettrici e lettori che amano lasciarsi cullare da parole scelte con sapienza, da richiami onirici e uso di miti, da echi di fiabe e realtà.

Bellissime le illustrazioni di Serena Mandrici, che riescono a dare potenza espressiva al contenuto narrativo. Interessante la traduzione in catalano di Aldo Sari.

Un volume intenso, unico. Consigliatissimo!

Loriana Lucciarini

poesie famose… Sete di te m’incalza (Pablo Neruda)

tattoo3Sete di te m’incalza nelle notti affamate.
Tremula mano rossa che si leva fino alla tua vita.
Ebbra di sete, pazza di sete, sete di selva riarsa.
Sete di metallo ardente, sete di radici avide.
Verso dove, nelle sere in cui i tuoi occhi non vadano
in viaggio verso i miei occhi, attendendoti allora.

Sei piena di tutte le ombre che mi spiano.
Mi segui come gli astri seguono la notte.
Mia madre mi partorì pieno di domande sottili.
Tu a tutte rispondi. Sei piena di voci.
Ancora bianca che cadi sul mare che attraversiamo.
Solco per il torbido seme del mio nome.
Esista una terra mia che non copra la tua orma.
Senza i tuoi occhi erranti, nella notte, verso dove.

Per questo sei la sete e ciò che deve saziarla.
Come poter non amarti se per questo devo amarti.
Se questo è il legame come poterlo tagliare, come.
Come, se persino le mie ossa hanno sete delle tue ossa.
Sete di te, sete di te, ghirlanda arroce e dolce.
Sete di te, che nelle notti mi morde come un cane.
Gli occhi hanno sete, perchè esistono i tuoi occhi.
La bocca ha sete, perchè esistono i tuoi baci.
L’anima è accesa di queste braccia che ti amano.
Il corpo, incendio vivo che brucerà il tuo corpo.
Di sete. Sete infinita. Sete che cerca la tua sete.
E in essa si distrugge come l’acqua nel fuoco.

– Pablo Neruda –