[letti per voi] – Istantanee Donna, la poesia di Davide Colacrai capace di emozionare | Short Review

Ma buongiorno! 😀

Passo veloce veloce nel blog per lasciarvi una brevissima recensione su un volume di poesie, che consiglio vivamente.

La Donna è la musa ispiratrice di questa raccolta, che la penna talentuosa di Davide Rocco Colacrai ha saputo trasformare in componimenti d’autore…


SINOSSI

Titolo: “Istantanee Donna”

Autore: Davide Colacrai

Editore: Le Mezzelane

Genere: Poesia

Anno: 2017

Formato: ebook e cartaceo

Pagine 96 pp.

Prezzi:3.49€ ebook – 9.90€ cartaceo

Acquistalo qu: Le Mezzelane store

La donna che Colacrai ci presenta è “un concerto, fragile e netto, quasi un respiro corale di libellula,/ a raccolta d’uomo,/ nel silenzio d’arpa di una preghiera./ Un cuore grande dai sogni di altre, e mai troppe, voci. Come le coincidenze del mondo addosso alla notte sul cuscino.”

“Quanto dolore da incomprensione, quanta sofferenza da un bilancio d’amore sempre in credito, sanguinano dai versi di Davide. Le sue donne vincono nel canto tanto quanto perdono ogni giorno nelle umane, troppo umane, spesso bassamente umane, transazioni.” (Prof. Danilo Breschi)



LA MIA SHORT REVIEW

Davide Rocco Colacrai è un poeta contemporaneo, già affermato e apprezzato dal mondo culturale italiano. Vincitore di numerosi concorsi letterari, innovatore a suo modo, è autore capace, di grande forza evocativa nei suoi versi potenti, puliti. Originale nella struttura, ricercato, stende, come fossero acquarelli, citazioni di vita di donna raccontandoci universi in poesia.

L’antologia è dedicata a donne forti, donne speciali, esistenze, ritratti lirici che si stagliano sulla tela grigia.

Ottima lettura.

Loriana Lucciarini

 

 

 

[letti per voi] – Versi d’Eterno, di Cristina Biolcati (poesie)

Buongiorno car* followers, ben ritrovati in questo inizio di 2017.

Oggi vi parlerò di poesia e di un volume che sa toccare le corde dell’anima…

51ka5zyvgml

Titolo: Versi d’Eterno – Autore: Cristina Biolcati – genere: Poesie – anno: 2016 – acquistalo qui


Sinossi

Ventiquattro poesie, brevi e dal verso libero. Una vita che “sgomita” per venire alla luce e dire la sua. Temi fantastici o d’attualità, tutti trattati con doloroso sentire. Pensieri che giungono e vanno, lasciando dietro di sè un sentore d’eterno.


La mia recensione

Poesie di vita e di movimenti d’anima, versi racchiusi nel cassetto della propria esistenza che escono, prendendo vita, trasformati dalle parole.

Righe fatte di vento, le radici, le ali, le nuvole, la luce. Vita, amore, morte, uomini e donne.

La poesia intimista di Cristina Biolcati è lineare, fatta di steccati di liriche eleganti e ricercate, eppur moderne nella loro attualità e forza, dove troviamo il vissuto dell’umanità, con le sue tragedie sociali di disuguaglianza e guerra e conflitti e morte, ma dove soffia anche il refolo vitale dell’anima: un universo interiore caro all’autrice, ben delinato con parole vive, pungenti, pulite, forti.

Poesie malinconiche ammantate d’inverno, nelle quali spesso però troviamo la primavera.

Solo parole

Solo parole
sprecate nel vento,
che annaspano e tornano,
indorate d’incenso.
Dove eravamo
noi popoli “degni”
quando, balorda, la storia

ha dato il peggio di sé?
Tardi è adesso,
risvegliarsi di colpo.
Quel filo spinato
nella carne affonda,

e ingoia i recinti

in cui la mente si perde.

 

Tra tutte cito “Solo parole”, “Il figlio del vento”, “Il nocchiere”, “Teresa” e la poesia “Figlia del vento” in cui ritrovo l’omaggio dell’autrice alla grande Alda Merini.

Versi per lettori che prediligono la poesia intimista, calda e diretta, capace di illustrare con tratti personali istantenee di vita e emozioni. Consigliata la lettura!

Loriana Lucciarini