[Letti per Voi] – La precarietà della vita in un romanzo | «Primule fuori stagione» di Luciana Pennino

Buon venerdì, carissim* e ben ritrovat*! 😀

Siamo arrivati in prossimità del fine settimana, che avete in programma di fare? Da me le previsioni del tempo danno pioggia, pertanto ne approfitterò per tapparmim in casa a leggere. (che programmino niente male, 😛 )

Voi?

Se avete appena chiuso le pagine di un libro e volete un consiglio per scegliere una nuova avventura di carta e inchiostro seguitemi, vi parlerò di un romanzo che unisce attualità, umorismo, osservazione sagace del mondo fuori e temi importanti. La vena ironica stempera l’angoscia del presente e vi strapperà più di un sorriso.

Curiosi? XD… È PRIMULE FUORI STAGIONE, di Luciana Pennino.


  • Titolo: «PRIMULE FUORI STAGIONE»
  • Autore: LUCIANA PENNINO
  • Editore: IUPPITER EDIZIONI
  • Anno: 2017
  • Formato: CARTACEO
  • Pagine: 164 pp.
  • Prezzo: 10.20 euro
  • Link acquisto

Il lettore rivive la storia di una donna che deve misurarsi con la vita e la sua imprevedibilità. In un mondo che ha reso la precarietà strutturale, la perdita del lavoro coincide con un limbo dove si smarrisce la propria collocazione sociale e personale. Così per la protagonista il tempo corre all’indietro a recuperare una lacerazione profonda nella quale l’esistenza sembra bloccarsi, ma nel contempo uno slancio vitale la trascina avanti ad assumere buio e luce: un binomio indissolubile. È l’ironia meditativa l’humus dove primule ostinatamente inaspettate possono nascere.


La mia recensione

I delicati temi della precarietà della vita, della mancanza di un futuro, del lavoro e del senso di improduttività che deriva dalla sua perdita grazie alla vena ironica di Luciana Pennino vengono trattati con il giusto equilibrio e una leggerezza che non ne stempera la gravità, ma ne rende godibile la lettura.

La storia? Dopo un inizio brillante, una carriera in ascesa in quel di Milano, la rottura burrascosa di un amore che sembrava dovesse durare tutta la vita, la nostra protagonista (che è poi l’io narrante della storia) si trasferisce a Napoli, sua città d’origine, per ricominciare. E lo fa in una piccola agenzia creativa che le offre stabilità e sicurezza. Vive così gli anni successivi fino a quando la solita routine viene spezzata dalla perdita del posto di lavoro.

A questo punto la donna, alle soglie dei cinquanta, si trova disoccupata, in una realtà lavorativa e professionale totalmente mutata rispetto al passato. Il lavoro non c’è, non si trova, le offerte serie scarseggiano e gli annunci di offerte di lavoro sono sibillini e lasciano presagire un nulla che è quasi definibile come sfruttamento.

Luciana Pennino descrive bene l’angoscia di chi vive la situazione precaria, l’insicurezza del domani, la spasmodica attesa di una risposta, le aspettative puntualmente disattese, la frustrazione di non trovare una soluzione perché qualsiasi cosa si faccia tutto rimane uguale. L’empasse è di quelle che toglie fiato, futuro e progetti; in cui ci si muove in una realtà che decide per lei, togliendotle individualità, entusiasmo, voglia di fare.

Il romanzo è narrato in prima persona come flusso di pensiero e la protagonista non ha nome, viene quindi facile identificarsi nelle sue vicende. Vicende di una donna con indole di sagace osservatrice del mondo esterno, capace di fare ritratti divertenti e ironici dei tanti personaggi che incrocia. La stessa ironia le è alleata quando dovrà affrontare il duro periodo di inattività lavorativa, i problemi per arrivare a fine mese, la ricerca infruttuosa di un nuovo impiego. Di carattere determinato e forte, pur se soggetta a ovvie fasi di scoramento, il personaggio femminile di questo romanzo ci offre un viaggio in un’esistenza fatta di alti e bassi, condita da incontri e situazioni che sarebbero paradossali se paradossalmente non risultassero fin troppo reali.

Lei infatti, troppo qualificata per lavori che permetterebbero di sbarcare il lunario e fin troppo adulta per rientrare tra i candidati a ricoprire ruoli di figure professionali rampanti e in ascesa, è incapace di accettare condizioni che farebbero impallidire anche i paesi del terzo mondo ma, al contempo, sarebbe in realtà disposta a tutto pur di avere nuovamente uno stipendio a fine mese. Nei colloqui che affronta e nelle selezioni che supera ci sfila davanti una carrellata di situazioni, personaggi e descrizioni che raccontano purtroppo l’Italia attuale, dove il futuro è davvero incerto e le offerte troppo poche per permettersi una scelta.

«Ma sperare non vuol dire attendere inerti eventi felici, che semmai non si produrranno mai.

Sperare è essere convinti di possedere determinazione e strumenti per riuscire a cambiare le condizioni infelici.

Dovrei rimpinzarmi di nuovo di sogni e di speranze, senza alcuna paura di ingrassare, e così riuscirei a vivere con più leggerezza e a sviluppare più difese immunitarie.»

Eppure, anche se all’inizio si deprime parecchio (e chi non sarebbe nella sua stessa situazione emotiva nel ritrovarsi senza un lavoro?) col tempo, ritrova energie, entusiasmo, progettualità.

Insomma, dal tunnel nero della depressione di inattività, dei conti che non tornano a fine mese, dell’incapacità di riuscire a dimostrare il proprio valore e nel trovare una nuova opportunità, si può uscire. O almeno, lei ce la fa e raggiunge un nuovo futuro. Una luce nuova sulla propria vita. Una vita che però, nel frattempo, è passata al setaccio della lente dell’analisi critica, alla ricerca di errori e scelte sbagliate.

Noi, da lettori, ci affianchiamo a lei a questo viaggio forse nel momento più difficile, accompagnandola fino all’epilogo finale con un sentimento di grande empatia.

Un piccolo appunto lo faccio ai vari refusi e alcune scelte di editing che ritengo discutibili ma su cui si può soprassedere. Tranquilli: la gradevolezza del testo e le divertenti descrizioni dell’Autrice vi coinvolgeranno a tal punto da arrivare presto all’ultima pagina e vi regaleranno ore di piacevole lettura.

Loriana Lucciarini

Annunci

[Letti per Voi] | Racconti horror nati dalla penna di Roberto Bonfanti: «Il primo a tornare fu il cane»

Carissimi, benritrovati… 🙂

La recensione di oggi è per parlarvi del nuovo lavoro di Roberto Bonfanti, un autore che molti di voi già conoscono e di cui vi ho già parlato in passato qui su Scintille.

Approccio cinematografico, ritmo serrato, ottimo equilibrio tra narrazione e introspezione… insomma: lui è già una garanzia. Vediamo nel dettaglio il suo ultimo titolo, «Il primo a tornare fu il cane»


  • Titolo: «Il primo a tornare fu il cane»
  • Autore: Roberto Bonfanti
  • Editore: self published
  • Anno: 2017
  • Pagine: 96 pp.
  • Formato: ebook e cartaceo
  • Prezzo: 0.99 ebook (ora in promozione a 0 euro) – 5.99 cartaceo
  • Link per l’acquisto

“Era in quei momenti solitari, nei quali tentavo disperatamente di aggrapparmi alle certezze, ai dati di fatto, che la mia razionalità era messa a dura prova.” Cinque racconti, non sto neanche a dire di cosa parlano, si fa prima a leggerli. Nota: Al fine di garantire la massima qualità dei miei libri/ebook aggiornerò le edizioni online, anche sulla base delle segnalazioni di eventuali refusi da parte dei lettori.


La mia recensione

Roberto Bonfanti è un autore che conosco e che mi ha affascinato per talento e capacità narrativa: sa scrivere e sa farlo con tecnica e attenzione.

Di lui avevo già letto il primo romanzo «La vita è dura nei dettagli» (2013, recensito qui) e il secondo titolo «Cose che si rompono» (2014 – recensito qui), entrambi letteralmente divorati, perché Bonfanti scrive cinematografico: ha un ritmo serrato e usa immagini, flash di piccoli particolari, fotogrammi di esistenza per descrivere scene e portare avanti le sue storie.

In questa estate 2018 fra le mie letture c’era proprio il suo ultimo lavoro una raccolta di racconti a base horror in cui si mescola il thriller e l’approfondimento psicologico.

«Il primo a tornare fu il cane» è un volume che si legge velocemente, sia per l’abilità narrativa che ti fa procedere spedito passo passo, sia per i cambi di scenario resi possibili dai racconti brevi. Le storie mi sono piaciute tutte e i colpi di scena mi hanno coinvolta e sorpresa. Il mio preferito resta proprio il racconto più lungo, che dà il titolo alla raccolta Il primo a tornare fu il cane perché secondo me combina perfettamente approfondimento psicologico, suspance, colpi di scena e quel pizzico di sana tensione che non guasta mai.

Il genere horror di per sé è spesso abusato, infatti troppo spesso si leggono storie dove mancano elementi di novità, dove la sorpresa viene ingenuamente anticipata, rovinando il crescendo emotivo e dimostrando tecniche narrative poco accurate; dove è più il sangue che scorre a fiumi piuttosto che la tensione psicologica. Ecco, in questo volume non c’è nulla di tutto ciò: vi garantisco che «Il primo a tornare fu il cane» è un’ottima lettura, allieterà le vostre serate di inizio autunno dandovi brividi quando spegnerete la luce spenta e i rumori del mondo di fuori verranno a stuzzicare la vostra fantasia, attraverso la finestra ancora aperta… 😛

Ennesima dimostrazione di capacità e talento. Consigliato!

Loriana Lucciarini

[Letti per Voi] | Sguardi e anime a nudo: «La stanza n. 5» di Stefania Bergo

Buon lunedì pomeriggio, carissimi! 😀 Primo lunedì di settembre, ormai credo che abbiate tutti ripreso le vostre abituali attività.

Per stemperare la cosa vi propongo una nuova recensione di una storia che offre spunti di riflessione importanti sul delicato tema dell’interruzione volontaria di gravidanza.

Liliana, Chiara, Miriana, Daniela, Valeria ed Eva sono donne in cui rispecchiarsi, che sapranno coinvolgervi ed emozionarvi. Sto parlando di «La stanza n. 5» il nuovo romanzo di Stefania Bergo, pubblicato con Gli Scrittori della porta accanto.


  • Titolo: «La stanza n. 5»
  • Autore: Stefania Bergo
  • Editore: Gli Scrittori della porta accanto
  • Anno:  2018
  • Pagine: 68 pp.
  • Formato: ebook
  • Prezzo: 0,99 euro
  • Link per l’acquisto
Un racconto nato a maggio 2018, in occasione dei 40 anni dall’entrata in vigore della Legge 194. Sei donne si ritrovano a raccontare la loro storia in una stanza d’ospedale in attesa dell’intervento programmato per la mattina seguente. Si tratta di Liliana e della giovane figlia Chiara, di Miriana, futuro amministratore delegato di una multinazionale, Daniela, architetto e madre di quattro figli, Valeria, editor in una casa editrice, ed Eva. Cinque di loro sono in lista per un aborto. Ma condividere le loro storie l’una con l’altra crea un cerchio di confronto ed empatia in grado anche di mettere in discussione la loro scelta. Forse.
Un racconto volutamente incompiuto perché al lettore è lasciato il libero arbitrio di scegliere l’epilogo, dopo aver conosciuto ognuna delle protagoniste. Un esperimento letterario, ciò che conta è provare a mettersi nelle scarpe degli altri, con empatia, e stringere un cerchio di comprensione, non un cappio di condanna.
I capitoli finali inviati all’autrice saranno inseriti nella seconda edizione prevista per maggio del 2019 secondo le modalità indicate sul sito http://www.gliscrittoridellaportaaccanto.com.

La mia recensione

Questo testo si legge in poco tempo eppure è un testo impegnativo, che affronta un tema serio e complesso e lo fa con attenzione, senza scivolare in stereotipi o calcare troppo la mano su sentimentalismi che risulterebberio artificiosi.

Stefania Bergo, ha una penna delicata e sensibile e ha trattato questo argomento in punta di penna, dando realismo e tridimensionalità ai suoi personaggi. E, soprattutto, li ha resi veri.

«La stanza n. 5» è un caleidoscopio di anime tutte al femminile dove l’Autrice ha tratteggiato ottimamente il bagaglio di vita di ogni singola protagonista; i pensieri, i retroscena, le angosce, le scelte.

Un romanzo bello, intenso, senza sbavature.

Dicevo, questo testo si legge in poco tempo perché la narrazione ci cala immediatamente nella vita di queste donne, ce le fa amare, ci stimola alla compartecipazione generando empatia.

Il letimotiv è imparare e capire l’altro facendo una parte di percorso con lui prima di giudicarlo. Ma non è solo immedesimazione però. Il mettersi nei panni dell’altro o, come scrive l’Autrice, stare nelle sue scarpe, significa affiancare l’altro nel cammino, dimorare nella sua anima per sentirlo in profondità. Atto, questo, necessario altrimenti non si riesce a vivere fino in fondo la portata emotiva di una scelta del genere; scelta che si porta dietro un vissuto di sofferenza e un carico di angoscia, specie se è un’interruzione volontaria di gravidanza, che ti cambia per sempre l’esistenza. Tale scelta si rivela mai facile e mai compiuta con leggerezza, neanche nei casi in cui parrebbe il contrario.

Mettersi nei panni di chi la scelta la compie…

Non è facile e, soprattutto in una società sempre più portata all’egocentrismo, risulta quasi impossibile. Eppure durante la lettura ciò avviene, ci si cala nel vissuto di queste cinque donne è risulta impossibile non sentirsi coinvolte emotivamente nel loro dramma personale.

Il finale è aperto: saranno i lettori a suggerire la scelta compiuta da ognuna. Tra un anno esatto uscirà la versione integrata del volume, che si concluderà in base agli epiloghi che l’Autrice riceverà.

Vi consiglio di leggerlo senza pregiudizi o remore perché altrimenti farete fatica, una fatica solo vostra però: perché, pur se le vostre resistenze saranno forti e radicate, dopo che vi sarete calati nei panni delle protagoniste i pregiudizi comunque cadranno e le remore svaniranno, quando vi emozionerete camminando in punta di piedi (così come l’Autrice è andata in punta di penna) nell’anima di ognuna di loro. Infine, scoprirete di provare un profondo rispetto per le motivazioni di ognuna e scoprirete che vi sarà impossibile giudicare, o farlo con nettezza e pressappochismo.

Un libro empatico, dal grande potere, capace di indurvi emozioni e riflessioni profonde su un tema che merita di non essere trattato con superficialità.

Faccio I miei complimenti all’autrice per il lavoro non facile, eseguito con maestria narrativa.

«La stanza n. 5» è per me un romanzo consigliatissimo!

Loriana Lucciarini