[recensioni] – “Nocturna 24” di Gianluca Ingaramo

banner11086677_396469050535420_525265776_nTitolo: “Nocturna 24” – Autore: Gianluca Ingaramo – Editore: MonteCovello – Anno: 2015 – pp.: 144 – prezzo: 13.99 euro – Acquistalo qui

Sinossi

Ambientazioni horror, fantascientifiche e fantasy caratterizzano i lavori di Gianluca Ingaramo pubblicati nell’antologia “Nocturna 24, Storie dal Buio” edita dalla Società Editoriale Montecovello. Scenari notturni accolgono il lettore, che si ritrova avvolto in racconti dalle atmosfere oscure e misteriose, dove ansia e paura sono i sentimenti prevalenti. Si tratta di ventiquattro situazioni terrificanti, storie che si svolgono nelle periferie cittadine oppure in aperta campagna, in scenari che spaziano dal futuro alla società contemporanea passando per il medioevo, dove demoni, alieni e persone in carne e ossa si confrontano con le proprie paure e i propri disagi.


La mia Recensione

Gianluca Ingarmo è alla sua prima pubblicazione, anche se scrive da tempo ed è ampiamente conosciuto nella community di mEEtale e di Writerdreams. Ha partecipato anche alla prima edizione del MaglaxWriters, arrivando al V posto nella classifica generale.

La qualità di questo autore è l’attenzione nella redazione dei suoi testi e nell’accuratezza della struttura narrativa.

Un pregio, questo della precisione con cui  affronta i  racconti, che permette a Gianluca Ingaramo di creare mondi e scenari ipotetici e realistici, pur se popolati da mostri, demoni, creature aliene e anche umane, che forse nascondono più rabbia, odio e orrore delle altre.

Perché, come scrive Federica Gaspari, nella prefazione all’antologia:

“con i racconti di Gianluca Ingaramo avrete prova di come talvolta gli esseri umani possano essere di gran lunga peggiori di quelli fantastici. Un’antologia che vi terrà con il fiato sospeso.”

I 24 testi di questa raccolta spaziano dal thriller all’horror fino allo sci-fi, ma sempre con connotazioni imprevedibili e orrorifiche. Storie improbabili e mai banali, che si leggono tutte d’un fiato, tra suspance e elucubrazioni mentali che poi vengono spesso sovvertite nel finale.

Fra tutte lo apprezzato i racconti che qui vi illustro.

Il primo è il racconto che apre l’antologia, “Passeggiata notturna”: imprevedibile horror urbano, caratterizzato da questo passaggio che ho trovato perfetto nella descrizione della perenne lotta tra umano e demoniaco :

La parte umana comanda alle unghie artigliate di conficcarsi nella carne, di scavare solchi profondi nel volto attraente, e proprio il dolore lancinante la aiuta a trionfare sulla parte demoniaca. È una ragazza sconvolta quella che si china a raccogliere le schegge di vetro: per lei ora sono come un mosaico, solo se riesce a ricomporlo può scoprire la verità, ricacciare nell’inferno il suo demone. Ogni frammento di vetro equivale a una scheggia di memoria; è tagliente, le dita si feriscono nel maneggiarlo, così come il cuore sanguina nel ricordare la trasformazione.

In “Cenere alla cenere”, la breve storia è intrisa di malinconia e di uno struggente rimpianto: il dolore per la perdita del proprio grande amore può prendere strade del tutto inaspettate…

Matteo rimase per lungo tempo a fissare il vuoto regnante in quel luogo un tempo così familiare. Era fermo su un ponte di legno, sospeso sopra un ruscelletto, nel luogo esatto dove anni prima aveva chiesto a Nadia di sposarlo. Conscio del vivace fluire dell’acqua pochi metri più in basso, meditava sul significato del simbolismo, secondo cui tutto poteva passare in un sussurro. Per meglio dire, tutto tranne il dolore che adesso gli stingeva il cuore, unico punto fisso nell’universo in continuo mutamento della propria sofferenza, cardine intorno al quale ruotava un mondo che aveva perduto la propria ragion d’essere.

“Stelle cadenti” è un racconto delicato e incline alla speranza, originale nella storia e altrettanto particolare nel suo finale…

La vita li aveva condotti lungo sentieri diversi, eppure aveva sempre sognato di ritrovarla. Ancora gli mancarono le parole, ma seppe con certezza che in quel momento sarebbero state superflue: la loro storia era già stata scritta. Paradosso per chi della ragione aveva fatto una ragione di vita, lui credeva nell’esistenza del destino, che ancora una volta lo aveva portato a incrociare il cammino della sua stella cadente.

Infine, “Niente e nessuno”: il lavoro più lungo e complesso che chiude la raccolta; una storia intensa, ben articolata in flash-back temporali e decisamente avvincente, in bilico tra ricordi, eventi passati, vite collegate e demoni maligni…

L’intera antologia è una prima ottima prova per questo bravo giovane autore a cui faccio il più caloroso in bocca al lupo!

 


Informazioni sull’Autore

11134292_403347119847613_1141440138_nGianluca Ingaramo, nato a Carmagnola nel 1971, è laureato in Scienze Politiche e lavora come istruttore nel settore cultura di un ente locale. Attratto dalla scrittura fin dal periodo universitario, cerca di coniugare la propria passione con gli impegni lavorativi: nel 2014 si è classificato quinto al MaglaxWriters e quarto all’OrrorinVersi, nel 2015 ha partecipato al Premio Scheletri. Scrive horror, fantasy e fantascienza, generi di cui è appassionato lettore. Ha pubblicato alcuni racconti sulle piattaforme www.meetale.com e www.wattpad.com per la lettura online gratuita ed è attivo nel forum di www.writersdream.org per migliorare le competenze tecniche.

I suoi contatti sono:

Su Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100005169857619

Su mEEtale: http://www.meetale.com/meet/gianluca_ingaramo

Su Wattpad: http://www.wattpad.com/user/GianlucaIngaramo

Su Writer’s Dream: http://www.writersdream.org/forum/user/9004-gianluca-ingaramo/

Annunci

6 thoughts on “[recensioni] – “Nocturna 24” di Gianluca Ingaramo

  1. Complimentissimi, Gianluca. Le mie domande sull’antologia in questione le ho già fatte qualche giorno fa e le tue risposte hanno corredato l’idea che già avevo, hai la scrittura nel sangue e consiglio caldamente a tutti quest’antologia. Domandina: Secondo te, quanto conta per un autore riuscire a spaziare in più generi?

    • Ciao Annalisa e grazie dell’intervento! Spaziare conta molto, come tu stessa hai dimostrato con i tuoi lavori, e anzi mi propongo di scrivere qualcosa di diverso in un futuro non troppo distante, dopo l’overdose di horror degli ultimi tempi

  2. Pingback: [ospiti] – Quattro chiacchiere con Gianluca Ingaramo, autore di “Nocturna24″ | Scintille d'Anima

  3. Gianlù TvTTb! Non sò cosa dirti, spero avrai tanta fortuna, c’hai speso tanta fatica e meriti di essere premiato. Un giorno spero di diventare come te, nel senso di uno che ha fatto Scienze politiche e oggi ha un lavoro =)

    • Ciao Drugo grazie del tuo intervento e degli auguri, che ho visto solo ora. E sì, spero pure io che Scienze Politiche ti porti fortuna per il lavoro e magari anche per una pubblicazione visto che scrivi pure tu!

  4. Pingback: [eventi] – #LeggiunEmergente, il maggio dei libri | Scintille d'Anima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...